Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

lunedì 2 febbraio 2009

ACQUA: Riccardo Realfonzo a Napoli

Dal Manifesto di Giovedì 29 Gennaio 2009

INTERVISTA RICCARDO REALFONZO

di Francesca Pilla - NAPOLI
«Uscire dalla voragine partenopea?
Forse si può»

Il neo assessore anti-liberista che piace a Iervolino

http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/in-edicola/numero/20090129/pagina/04/pezzo/240744/

Al primo piano di Palazzo San Giacomo i commessi del comune di Napoli allargano le braccia: «Realfonzo chi? Un assessore? Non sappiamo, magari il suo ufficio è in fondo al corridoio». Un alieno che qualcuno vorrebbe presto fuori di lì. E' questa l'immagine migliore per descrivere l'insediamento di Riccardo Realfonzo nell'assessorato al bilancio che fino a novembre era il regno indiscusso di Enrico Cardillo. Nelle scorse settimane il professore di economia è stato definito comunista e marxista. Uno che avrebbe preteso trasparenza e detto no a qualsiasi progetto di privatizzazione delle controllate comunali. In realtà, quello di Realfonzo è un compito difficile sia per i pesanti buchi che eredita dal bilancio partenopeo sia perché ha sostituito Cardillo, che non solo è indagato per l'affare Global Service ma che nell'amministrazione precedente aveva dato vita a un vero potentato. Ma oggi, in quelle stesse stanze, si possono invece incontrare esponenti dell'assise di Palazzo Marigliano, vale a dire di quell'intellighenzia napoletana sana e non corruttibile. E Realfonzo è al lavoro. Come mai il sindaco Iervolino le ha affidato questo incarico? E perché lei ha accettato visto che non è un politico di «professione»? Non era meglio restare a fare il professore universitario? In passato è avvenuto molte volte che una politica in crisi di consenso si affidasse ai «tecnici» per tentare di imprimere una svolta nell'azione di governo. Però i tecnici che hanno imperversato negli anni scorsi in Italia elogiavano i vincoli del Patto di stabilità e puntavano dritti alle privatizzazioni. Io invece intendo muovermi in direzione opposta, coerentemente con le idee per le quali assieme a tanti altri ho battagliato in questi anni. Credo che questo sia il vero elemento di novità della vicenda. Ed è anche il motivo per cui ho accettato un incarico per il quale si ha molto da perdere e nulla da guadagnare. Ho la possibilità di mettere granelli di politica economica alternativa nell'amministrazione di questa città e non mi capiterà una seconda volta. Insomma, devo fare un tentativo. E quali sono i suoi granelli di politica alternativa? Dalle rette scolastiche alle tariffe in generale, c'è qualche margine per intervenire in senso redistributivo in una città in cui il divario tra ricchi e poveri è abissale. Ma soprattutto occorre bloccare i processi di privatizzazione e di svendita delle partecipate. L'acqua, per esempio, deve restare pubblica. Ho già provveduto a bloccare la gara per la gestione di un depuratore a Coroglio che poteva andare in mano ai privati e che invece - a mio avviso - deve essere mantenuta nel perimetro dell'azienda pubblica. Gli interessi contro i quali mi sto muovendo sono enormi, ma le loro difese ideologiche sono ormai deboli. Sappiamo che privatizzare non significa necessariamente né migliorare i servizi né ridurre i costi. Ed è falso affermare che la privatizzazione serve a ripianare i bilanci: complessivamente le municipalizzate sono già in attivo. Ma col bilancio del Comune come la mette? Ci sono ancora sacche di inefficienza su cui si può e si deve intervenire. Ma più di ogni altra cosa c'è da compiere una operazione di trasparenza. Per anni gli enti locali hanno cercato di nascondere tra le pieghe dei bilanci una situazione insostenibile, provocata dalle politiche restrittive dei governi centrali. E adesso siamo di fronte al paradosso di un governo che riduce ancora di più le risorse nel mezzo di una crisi che soprattutto al Sud sta determinando un crollo dei redditi e quindi anche delle riscossioni degli enti locali. E' una situazione drammatica ma l'epoca degli espedienti contabili è finita. Le radici delle difficoltà di bilancio sono politiche, e il governo nazionale deve essere chiamato presto a rispondere. Rispetto alla questione della legalità come intende muoversi? Ho dichiarato che occorre interrompere la contrattualizzazione delle gare vinte da soggetti sottoposti a provvedimenti restrittivi (è il caso dell'imprenditore Romeo, in carcere per l'affare Global service e vincitore di una gara per la riscossione delle multe, ndr ). Al momento ho motivi per ritenere che questa posizione ragionevole alla fine prevarrà. Ma Iervolino è ancora convinta di volere un antiliberista in squadra? Ha dichiarato di comprendere i danni che il liberismo ha creato e la necessità di cambiare registro. Vedremo. Io certo non cambio né idea né linea. E ho detto chiaramente che se le mie ricette non fossero gradite sarei pronto a dimettermi. Confido che a sinistra, al di là delle divisioni politiche, si dedichi un'attenzione speciale e un sincero sostegno verso questo limpido, reale tentativo di svolta antiliberista.
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.