Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

sabato 14 marzo 2009

AMIATA GEOTERMIA: ENEL BATTUTA IN CASSAZIONE


[FONTE: http://www.greenreport.it/ ]
12/03/2009

Geotermia, Enel battuta in Cassazione dai comitati dell´Amiata
Pubblichiamo integralmente il comunicato inviatoci dai Comitati dell´Amiata, non senza sottolineare il diverso nostro punto di vista: preso atto che i tecnici dell´Enel sono stati condannati dalla magistratura quindi è stato riconosciuto il loro dolo, ciò non significa condannare la geotermia quale fonte di energia rinnovabile e perciò sostenibile. Ovviamente, ma questo vale anche per tutte le altre rinnovabili, la sua gestione deve essere improntata alla massima attenzione e mitigazione degli impatti. Se uno commette un´infrazione anche grave guidando un´auto è giusto condannarlo e magari togliergli la patente, ma di certo è un salto logico farne seguire anche la condanna dell´auto.


di Comitati di Salvaguardia Ambiente del Monte Amiata
Il ricorso presentato da Enel in Cassazione contro la sentenza emessa dal Tribunale di Montepulciano per i gravi incidenti avvenuti nel 2000 a Piancastagnaio (Siena) a seguito dell’attività geotermica è stato respinto e sono stati condannati i responsabili Enel al pagamento delle spese processuali e competenze a favore dei Comitati di Salvaguardia Ambiente del Monte Amiata.La Corte di Cassazione con la sentenza del 9 marzo 2009 ha definitivamente stabilito che l’eruzione di vapori e gas venefici verificatosi a Piancastagnaio nel settembre 2000 in località “Podere del Marchese” è diretta conseguenza delle attività di sfruttamento della geotermia da parte di Enel.Il disastro ambientale si verificò per l’interazione tra il sistema naturale (fratturazione persistente, sismicità diffusa e sistema idrotermale) e le operazioni di pompaggio di acqua effettuate dai tecnici Enel nel pozzo PC4 nelle giornate del 9/8 e 31/8 2000. Senza tale condotta l’evento non si sarebbe verificato e, fatto ancor più grave, secondo la sentenza del Tribunale di Montepulciano, gli imputati non avevano le conoscenze tecniche per prevedere l’evento.Questa sentenza sancisce in via definitiva che l’attività geotermica in Amiata è pericolosa e che l’Enel si muove in un territorio dinamico ad alta precarietà e instabilità naturale con caratteristiche diverse rispetto ad altri bacini geotermici, fatto ancor più grave, senza averne il controllo. Ciò che è avvenuto è al di fuori della loro prevedibilità.Gli ingegneri dell’Enel avevano proposto ricorso per Cassazione sia per contestare la legittimità delle Associazioni Ambientaliste nel giudizio, sia per modificare la sentenza nelle valutazioni di quanto accaduto.La Cassazione ha invece confermato la motivazione del tribunale di Montepulciano e conseguentemente condannato i responsabili Enel a rimborsare al Comitato le spese di giudizio.
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.