Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

lunedì 15 giugno 2009

Uniti dagli OGM - Fondazione Bussolera Branca e Rockefeller. di N. Forcheri

La fondazione Bussolera Branca finanzia assieme ai Rockefeller gli OGM nel mondo

Nicoletta Forcheri

Il relatore James Clive, la cui associazione presuntivamente no profit ISAAA è finanziata dalle due maggiori corporation agrofarmaceutiche mondiali (Bayer e Monsanto)(1), parlava il 19 maggio scorso a una commissione praticamente vuota del senato italiano presentandosi come chi ha lavorato con un Nobel per la pace "che ha salvato un miliardo di persone dalla fame" e per la Rockfeller Foundation in Messico per qualche tempo prima di fondare la "propria" associazione ISAAA, organo di propaganda per il biotech, altra parola ingannevole per i semi geneticamente modificati, ma parola che Clive e il business preferiscono. Probabilmente perché richiama la modernità abbinata al "bio" che fa sempre buon effetto.

Il leitmotiv snocciolato come una cantilena per fare abbassare il livello di guardia delle popolazioni mondiali nei confronti degli OGM è sempre lo stesso: la presunta assoluta efficacia nella lotta contro la fame e la povertà, anzi l’unica soluzione. Chi è nel settore sa invece che i semi modificati sono più cari degli altri, non si riproducono e richiedono più fitosanitari ancora. Ciò significa perdere l'autonomia alimentare poiché i contadini e le persone perdono la conoscenza della rigenerazione dei semi; alla lunga il pericolo è che diventino tutti gestori in franchising, un po' come i gestori di pompe di benzina...Inoltre per gli effetti deleteri sulla biodiversità - sono colture superintensive che contaminano le altre piante schiacciandone la biodiversità - i contadini e le persone perdono la possibilità dell'autosostentamento. Come non pensare all'ondata di suicidi di contadini indiani dopo la conversione agli OGM per eccesso di debiti?

Farsi un orto - come Dio comanda - diventerà l'atto più rivoluzionario che ci sia. Galvanizzato dallo scambio di conoscenze in rete. Finché dura.

isaaalogo1Tra i finanziatori dell’ISAAA(1) salta agli occhi la preponderanza di enti africani e indiani – essa ha tre sedi, una a NY, una a Nairobi e la terza nelle Filippine. Ci sono persino organi governativi come un progetto del governo del Kenya, il ministero dell’Ambiente e delle Foreste indiano, il ministero dell’Agricoltura delle Filippine oltre all'agenzia per l'aiuto allo sviluppo statunitense, l'USAID, che impone ad esempio campagne di "vaccinazione" e progetti per modificare patate, pomodori, banane e frutti della passione in Kenia, uno dei paesi più biodiversi della terra e proprio perciò uno dei paesi dove l'ISAAA è maggiormente attiva. E anche il ministero dell'Agricoltura americano USDA.

Si notino i richiami semantici persino nella lista dei finanziatori: ad esempio una “rete” dell’Africa orientale per lo sviluppo delle tecnologie biotech e di “sicurezza” chiamata con l’acronimo BIO-EARN, testualmente BIO-GUADAGNO. Come se non bastasse per capire la perversione dei manipolatori di senso e di geni, la maggiore lobby europea del biotech si chiama Europabio. Anche biotech europabio è un termine che induce in errore, nella pratica, un modo per chiamare le manipolazioni "bio". L'intento è quello di fondere le due parole, e i due concetti, creando confusione, la manipolazione semantica deve accompagnare quella genetica, come in ogni regime che si rispetti, questo si chiama propaganda ed è vitale per la sopravvivenza del regime stesso. Messaggi subliminali, voci flautate, Clive anticipa persino le preoccupazioni della gente, che conosce a memoria, le elenca per dare risposte posate, sedicenti scientifiche e artatamente rassicuranti.

I maggiori finanziatori dell'ISAAA, ai quali Clive dedica un trattamento di riguardo, a parte la fondazione Rockfeller citata alle prime sillabe del suo eloquio, sono la banca spagnola Ibercaja, e la Fondazione Bussolera Branca. La fondazione è un lascito ricchissimo di 170 miliardi che l’avvocato Bussolera lasciò al momento della sua morte il 13 dicembre 1994 a cinque amministratori, non prima di averlo vincolato per testamento alla “valorizzazione del patrimonio agricolo dell’Oltrepò pavese“. Forse si rivolterebbe nella tomba se sapesse che parte del suo patrimonio viene impiegato per finanziare enti come l’ISAAA che con l’Oltrepo’ pavese non dovrebbe c’entrare affatto, tanto meno con la sua agricoltura. Del ricchissimo patrimonio faceva parte anche la quota di sua moglie Branca nell’omonimia storica ditta (35%) venduta da uno dei legatari a un prezzo troppo basso secondo alcuni, all'indomani della sua morte.

La successione della fondazione ha attraversato quindi vicissitudini giudiziarie in cui fu coinvolto anche Formigoni (2) per abuso d’ufficio nel processo, assolto in primo e secondo grado, ma "la Corte di Cassazione annullò la sentenza ordinando di rifare il processo d’appello" (cfr. "Se li conosci li eviti", di Travaglio, 2005). Rispetto al ruolo predominante della fondazione nel finanziamento della propaganda OGM, dovrebbe stupire che l’unico sito esistente della fondazione non ne parli assolutamente (3)? Solo alcune laconiche generiche righe sulla scienza.

Sui documenti divulgativi annui dell’ISAAA per propagandare gli OGM nel terzo mondo, la fondazione Bussolera Branca viene ringraziata assieme alla Ibercaja e alla Fondazione Rockfeller per la stesura del documento stesso e la sua distribuzione “gratuita” nei paesi in via di sviluppo con “l’obiettivo di dare informazioni e conoscenza alla comunità scientifica in merito alle varietà biotech/GM e per facilitare una discussione più trasparente e consapevole sul loro potenziale contributo all’alimentazione globale, alla sicurezza delle produzioni, di fibre, biocarburanti e all’agricoltura sostenibile.” Tessile, energia e cibo. Una discussione senza dibattito dove si parla del "contributo" e non degli "effetti". Con il terzo mondo come campo da gioco. Dal documento in questione, una interessante piantina indica la progressione delle colture e i paesi che hanno accettato campi GM (4).

Poi cita Galbraith: il vero problema è quello di non ammettere il problema. Il problema sarebbe quello della fame nel mondo. Per carità, non è che non esista. Ma se non si individuano le vere cause non si potranno mai trovare le vere soluzioni. Come se i responsabili della fame nel mondo non fossero per l'appunto proprio coloro che ci stanno offrendo questa falsa e criminosa soluzione. I più ricchi del pianeta che drenano la ricchezza del mondo, togliendola agli altri, con l'inganno della moneta e gli abusi di petrodollari e brevetti. E Clive parla persino di siccità, quasi fosse un avvenimento provvidenziale per diffondere la sua tecnica miracolosa nel mondo. Quasi me li immagino gli affaristi dei brevetti OGM, propiziare la siccità non con la danza, ma con tecniche varie che già esistono da HAARP, alle scie chimiche, ad altre tecniche militari di cambiamenti climatici (sulla tecnica di addensamento delle nubi e pioggia o viceversa di pulizia delle nubi, il ricercatore Ighina (5) morto qualche anno fa nel nostro suol patrio senza alcun riconoscimento, genio incompreso, mise a punto una tecnica). Ma l'inquinamento intensivo delle falde acquifere di tutto il mondo e la sospensione del ciclo naturale dell'acqua per uso eccessivo da parte delle industrie basterebbero da sole a spiegare queste siccità. Dietro a quelle industrie, i soliti industriali/banchieri più ricchi del pianeta che ci propinano le balle dei cambiamenti climatici alla Al Gore, uno di loro. Per distogliere la nostra attenzione dai veri responsabili, cioé loro. Mentre i cambiamenti climatici così ideati dalla propaganda servono a imporre i titoli di inquinamento o diritti di kyoto, scambiabili come in borsa, dove chi ha la stampa delle banconote con sé - una banca negli azionisti di riferimento ad esempio - puo' comperarsi a iosa il diritto a inquinare.

E questo è solo l'aperitivo. Poi ci sarà l'abbuffata, se non li fermiamo.

Nella sala deserta della commissione del Senato prendon la parola due politici del governo, del tutto appiattiti sulle posizioni pretestuose di Clive, del resto si sa che nel nostro immenso provincialismo bastano i soldi con accento inglese per farci salivare, almeno a livello istituzionale: Guido Possa, PdL, ingegnere meccanico nucleare e "amico fraterno" di Berlusconi - secondo Wikipedia - presidente della Commissione istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica e coordinatore delle relazioni tra Senato e ONU. E Paolo Scarpa Bonazza Buora, Pdl, presidente della commissione Agricoltura del Senato.

Per testimoniare della schizofrenia di cui affetti i nostri politici, basta ascoltare l'intervista su radio radicale di due anni fa, il 13 giugno 2007, quando l'on. Buora si scandalizzava della decisione europea di aumentare la soglia di tolleranza nel biologico dello 0,9% - soglia molto più elevata della tolleranza nel convenzionale!!! Dalle sue parole traspare quasi un sincero sdegno. La decisione è una di quelle che chiaramente ha come effetto, o si prefigge, di distruggere i semi biologici altrimenti non si spiegherebbe come mai nel convenzionale la soglia debba essere più bassa. Che cosa è successo in due anni da far cambiare tono a Buora nei confronti degli OGM ? E' la presenza dell'uomo di Rockfeller?

Qua Buora nel 2007: http://www.radioradicale.it/scheda/228306/intervista-a-paolo-scarpa-bonazza-buora-sugli-ogm-e-lagricoltura-biologica

Invece l'audizione di James Clive alla commissione del Senato, qua:

http://www.radioradicale.it/scheda/279083/commissioni-istruzione-pubblica-beni-culturali-ricerca-scientifica-e-agricoltura-e-produzione-agroalimenta

Nicoletta Forcheri

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(1) I donatori di ISAAA sono: ABSPII/Cornell University - Barwale Foundation, India - Bayer Crop Science, Bejo Sheetal Seeds Pvt. Ltd, India - BIO-EARN: East African Regional Programme and Research Network for Biotechnology, Biosafety and Biotechnology Policy Development - CropLife International - FARM-Africa – Maendeleo Agricultural Technology Fund (MATF) - Fondazione Bussolera- Branca, Italy - Government of Kenya/KAPP (Kenya Agricultural Productivity Project) - Ibercaja, Spain - IDRC – International Development Research Center of Canada - JK Organisation, India - Kilimo Trust, Uganda - Ministry of Environment and Forests, India - Monsanto - Dept. of Agriculture, Philippines - Program for Biosafety Systems, IFPRI - Rasi Seeds Ltd., India - SEAMEO SEARCA, Philippines - USAID - USDA - Vibha Agrotech Pvt. Ltd, India. I principali da lui citati sono La Bussolera Branca e la Ibercaja, banca spagnola. I patrocinanti sono: Norman Borlaug (Mexico) - Richard B. Flavell, (USA) - Jiro Kondo (Japan)- Gabrielle J. Persley, Australia/UK - M.S. Swaminathan (India) - Marc van Montagu (Belgium).

(2) http://archiviostorico.corriere.it/2001/marzo/13/Eredita_Branca_giallo_miliardi_co_7_0103131563.shtml)

(3) http://www.lefracce.it/fondazione.html

(4) http://www.isaaa.org/Kc/CBTNews/press_release/briefs32/ESummary/Executive%20Summary%20(English).pdf

http://www.isaaa.org/resources/publications/briefs/37/download/isaaa-brief-37-2007.pdf

(5) http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90071,00.html

(5) http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90071,00.html

Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.