Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

mercoledì 8 luglio 2009

Lettera a un vecchio comunista. di N Forcheri

In seguito all'articolo di Arrigoni che ho postato qui in cui si descrivono gli ennesimi soprusi e violenze di Israele nei confronti della striscia di Gaza, un lettore posta il seguente messaggio:
Noi vecchi comunisti dicevamo:alè hanno trovato un altro modo di offendere i comunisti.Oggi diremmo:hanno trovato un altro modo di offendere la sinistra.
mi dispiace dirvelo ma siete sicuri che la colpa sia solo di Israele?
siete sicuri che Hammas voglia la pace?
Non avete ancora capito che uno stato palestinese libero e DEMOCRATICO
non lo vuole nessuno? (figuriamoci il re del Barhein democratico com’è)

Non so che cosa mi è preso, sapete quando la gocciolina fa traboccare il vaso, o la goccia che erode la roccia? Gli ho risposto tutto di un fiato. Ecco il risultato.

Lettera a un vecchio comunista
Ogni giorno che passa voi vecchi comunisti mi convincete sempre di più che siete del tutto conformi e strumentali al sistema (mafioso criminoso globalista e violento) che ci governa. Con voi, vecchi comunisti, mi ritrovo sempre a dovere spiegare l’abc a menti del tutto devastate dal plagio e dalla manipolazione da non essere più in grado di capire le cose umane elementari.
Come ad esempio che quello di Gaza è un enorme campo di concentramento a cielo aperto INGIUSTIFICATO in cui è stata fatta salire la mostarda apposta con embarghi vari e vergognosi bombardamenti in un recinto chiuso e le cui poste in gioco vere sono ben altre (sterminio di un popolo e gas, moneta e banche usuraie contro il divieto dell'usura della shariah, controllo e appropriazione delle risorse della terra, gestione da parte delle corporation di tutti i servizi e utilities, come da noi del resto). Un’altra posta in gioco è l’appropriazione rarificazione modifica e brevettazione dei semi più normali altrimenti non si spiegherebbe l’estirpazione di interi agrumeti e uliveti di gaza, e la volontà crudele e spietata di sparare ai contadini che vogliano andare a coltivare i campi o ai pescatori che vogliano uscire in mare a pescare. Volontà deliberata di ucciderli e farli morire di fame. Per trasformarli in schiavi a buon mercato che andranno a mangiare nelle catene macdo schifezze care per la merda che sono ma sempre meno care dei buoni agrumi ortaggi e olio che loro, i globalisti del pianeta, venderanno nelle boutique di lusso di sionisti bianchi wasp e altri dal sangue giusto, vicini al cuore pulsante dell'usura occidentale sulle colonie della terra. Quel recinto è il recinto delle multinazionali e delle banche.

Che Hamas non voglia lo stato palestinese non è quello il problema, è del tutto indifferente - Hamas per quel che penso io potrebbe benissimo essere finanziata da qualche ricco petroliere saudita, da qualche maronita libanese o da qualche sionista segreto, esattamente come i black bloc nelle manifestazioni pacifiche o le brigate rosse strumentalizzate da altri interessii i soliti - il problema è l’epurazione etnica che i palestinesi hanno subito e subiscono da 60 anni SEMPRE IGNORATA DA ISRAELE. Il problema è la creazione artificiale razzista etnica e per diritto di sangue di un’escrescenza chiamata Israele in un territorio CHE ERA GIA ABITATO DA TANTI INDIGENI. Il problema è il solito modello dello sterminio degli indiani per lasciar posto a dubbi occidentali che rivendicano diritti su quella terra (e diritti di "pulizia etnica") in virtù di un certo tipo di sangue per trasmissione materna, in moltissimi casi probabilmente con tanto di falso. Il problema è il modello del diritto di sangue contro il diritto del suolo degli indigeni per attaccamento atavico a una terra. Il problema è il riconoscimento, mai esistito, di detta popolazione esistente prima di quegli immigrati sponsorizzati (dai rothschilds) e del relativo massacro etnico. IL PROBLEMA E’ L’ENORME BALLA DELLO STATO SIONISTA CHE CONTINUA A UCCIDERE E A NEGARE L’UCCISIONE E CHE CONTINUA A NEGARE L’ESISTENZA DI UN POPOLO PALESTINESE PREESISTENTE ALLA LORO FANDONIA PROPAGANDISTICA.

Pertanto il problema non è tanto se i palestinesi vogliano o meno uno stato palestinese separato da quello israeliano, il problema è che Israele deve riconoscere che esistono, riconoscerne il loro diritto al ritorno e soprattutto deve RINNEGARE IL PROPRIO IMPERIALISMO RAZZISTA per creare uno stato che ammetta la diversità di coloro che molto di più di molti neo israeliani avrebbero diritto di vivere laddove i loro antenati vivevano da secoli E invece che fa? Rinforza lo stato confessionale del paese, estende le colonie, costruisce muri dividendo famiglie palestinesi, continua a espropriare le loro case e dichiara Gerusalemme capitale dell’ebraismo, con tanto di beneplacito di Obama che lo ha promesso all’AIPAC, la lobby usraeliana, prima delle elezioni per essere eletto. E dopo avere fisicamente spezzato in due il territorio dell'eventuale Stato palestinese. Ma stai scherzando?

Voi vecchi comunisti dovete avere un problema nella testa se riuscite ogni volta a rovesciare i dati del problema a tal punto da non riuscire a vedere neanche che quello sionista è lo stesso imperialismo capitalista da voi tanto ossessivamente criticato. Questa turba mentale si chiama manipolazione. Quella che confonde il boia in vittima e viceversa. Quella che non distingue tra i boia gli agnelli e tra le vittime i sicari del boia. (La contrapposizione non è tra Israele e Hamas, ma tra potere globalista/bancario/multinazionali/capitalista come vuoi chiamarlo e tutti gli altri).

Una turba che fa sì che quando si tratta di criticare i grassi signori delle banche in enorme conflitto di interesse gli uni con gli altri, stranamente, loro che hanno piena la bocca delle parole “capitale” “capitalismo” “borghesi” e “lotta di classi”, rimangono paralizzati e non riescono MAI a criticare, o se non altro a sviscerare, curiosi, i meccanismi della speculazione finanziaria e dell’emissione monetaria perpetrata dai “capitalisti” per antonomasia, che uccide l’autorità degli Stati svuotandoli dall’interno e lasciandone una sottile facciata. Sottile facciata, quella democratica, per cui voi vecchi comunisti a parole sareste pronti a morire pur di non scoprire la merda che nasconde.

Sai che vi dico, vecchi comunisti? Che ci avete rotto non solo alla sottoscritta ma comincio a pensare che è molto possibile che abbiate rovinato tutto un popolo (non ne avete l’esclusiva non preoccuparti) con i vostri spessi prosciutti sugli occhi e la presupponenza di essere intellettualmente i migliori e i più buoni(sti), gli ineccepibili. In questo siete uguali all’elite globale puritana che non vacilla mai nella sua arroganza di mettersi su un pulpito moralista da cui potere impartire lezioni di democrazia a mezzo mondo, magari con qualche arma al fosforo, o con qualche altra porcata “chirurgica” dagli effetti collaterali imprevedibili ma inevitabili, finanziata dal traffico di stupefacenti della CIA. Uguali a quella stessa elite che beve dalla bottiglia l’alcol e poi lo nasconde nel sacchetto di plastica. Quella che predica sulle donnine di berlusconi poi finanzia la (pedo)pornografia, riscuotendone i lauti dividendi. Quella che dicendoci di lavarci di meno per sprecare meno acqua, nei cda delle multinazionali se ne appropria e la nega al mondo, usurandola per arricchirsi a dismisura - e farci morire di sete. Non c’è niente di peggio del puritanesimo (e del cattolico bigottismo) con cui avete talmente tante affinità, da avermi semplicemente nauseata.

In quanto al modo di offendere la sinistra - a parte che cosa credi che sia Arrigoni? - non vi preoccupate vecchi comunisti. Vi state sputtanando da soli unendovi ai vescovi per vilipendere Berlusconi nella sua legittima vita privata. Non eravate voi a sparare sulla chiesa e la sua morale bigotta? A difendere la libertà sessuale a oltranza, e il diritto alla privacy nella sfera sessuale? A difendere la mercificazione della donna sui marciapiedi e qualsiasi forma di sessualità purché tra adulti consenzienti? Pertanto, nessuno ha trovato un modo di offendere i comunisti - neanche ho capito come in questo articolo. Vi siete sputtanati da soli mostrandovi bigotti e puritani pur di fare fuori Berlusconi alleandovi addirittura in questo attacco con i grassi capitalisti del pianeta, quelli che stanno prevedendo il microchip per tutti, i vaccini al mercurio, la schiavizzazione del pianeta, una moneta unica che sostituisca il dollaro, maggiori poteri a FMI, quel fondo che prevede massacri e carestie per tutti i popoli, non sottomessi, da sottomettere o già sudditi.

Apri gli occhi, vecchio comunista.

Te lo dice spassionatamente una "ex".

Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.