Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

domenica 3 gennaio 2010

Monte dei Paschi, banca canaglia. di N. Forcheri


Da quando la banca Monte dei Paschi è stata privatizzata, nel 1998, è diventata una banca canaglia, vicepresidente Caltagirone, struttura proprietaria come segue:
Francesco Gaetano Caltagirone, 4,724% JP Morgan Chase & Co. Corporation, 5,614% Fondazione Monte dei Paschi di Siena, 46,317% Axa SA, 2,525% Unicoop Firenze Soc. Coop. a RL, 2,427% (fonte: consob ).

Nel cda di Monte dei Paschi è rappresentata quindi Axa, nel cui cda siede a sua volta il presidente amministratore delegato – Gérard Méstrallet – del potentato Suez Gaz de France a sua volta mostro parzialmente pubblico – il 35% appartiene al governo francese – ma sostanzialmente privato (azionista di riferimento Albert Frère con GBL e CNP), che si assicura in tal modo di potere influire pesantemente sulle decisioni della banca MPS e del suo territorio, come ad esempio nella privatizzazione dell’acqua cui partecipa, nel progetto di aeroporto di Siena e in genere in qualsiasi azione di depredazione del territorio. A tale scopo, il presidente Mussari è stato cooptato nel cda di Axa che appartiene in parte a Citygroup e in parte a BNP Paribas, la banca che ha preso il controllo della BNL, e che è la principale socia nella partecipazione di numerose imprese dell’azionista di riferimento di Suez… Albert Frère.


Albert Frère controlla pariteticamente assieme alla Power Corporation del Canada (il cui vicepresidente Amaury de Seze è anche presidente di Carrefour, la catena bancaria di supermercati che sta conquistando il nostro paese) il fondo di investimento belga Groupe Bruxelles Lambert (GBL) che vanta nel suo portafoglio azioni di Total, di Lafarge, di Pernod Ricard, Imerys, Iberdrola e … SUEZ (GDF Suez e Suez Environnement (rif. http://fr.gbl.be/group/participations/evolution/default.asp ).





Assieme alla BNP Paribas, il gruppo Frère controlla anche la società di investimenti belga CNP (Compagnie Nationale à Portefeuille) con partecipazioni in Banca Leonardo, Transcor Astra Group (trading e distribuzione di prodotti petroliferi, di gas, carbone ecc.) e… GBL.



Cioé, BNP Paribas controlla indirettamente, assieme a Frère e Power Corporation del Canada, le stesse partecipazioni di GBL (vedi sopra): un bel sodalizio… Un sodalizio che comprende il governo francese, azionista di maggioranza anche di BNP Paribas (oltre a Belgio e Lussemburgo) e le scatole “cinesi” di diritto olandese e svizzero dagli oscuri mandanti. Oscuri mandanti che in conflitto di interessi tra banche, governi e proprietà di determinate multinazionali cruciali, stanno imponendo, attraverso la loro potente rete di pressione – la privatizzazione dell’acqua, la proliferazione di aeroporti privati, le trivelle un po’ ovunque nel nostro territorio (caso Total, trivelle in Val d'Orcia), inceneritori e rigassificatori (Cofathec scomparso con una fusione in Cofelys), inquinamento visivo con l’illuminazione pubblica ecc. e che lavorano più per la frase vuota “le rayonnement de la France” (cfr. Comité Attali con Bassanini, vice prsidente della CDP e Monti, altri cooptati per l'economia francese...) che per il bene, come dicono, dei paesi in cui pretendono di “investire”. Tutte balle. Montaggi finanziari.

Si ricordi anche che la Monte dei Paschi è l’unica banca ancora italiana, assieme forse a IMI, a figurare sulla lista degli unti del signore, cioé quella degli specialisti dei titoli di Stato autorizzati a partecipare alle aste del debito pubblico e che per primi possono acquistarlo e rivenderlo, oops cartolarizzarlo, lucrando non poco, presumibilmente (?) con fresco denaro direttamente iniettato dalla BCE…(rif. Elenco specialisti titoli di Stato).

Uno strano colonialismo continua imperterrito dietro la facciata della “paritetica” Europa: fondi sovrani dei soliti paesi che investono e succhiano fondi pubblici in altri paesi, segnatamente il nostro, deturpandone nel contempo irrimediabilmente il territorio, l’identità culturale e la sovranità popolare. N. Forcheri —————————————————————————————————————————————————————

Nessun commento:

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.