Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

mercoledì 26 ottobre 2011

Fondazione MPS condannata in appello a Milano

Per un'infrazione irrisoria al Codice della strada, rischi, per una dimenticanza, l'ipoteca a tua insaputa sulla tua prima casa, ad opera dell'odiatissima Equitalia, dopo avere fatto lievitare a dismisura la sanzione. Un ente come la Fondazione MPS, invece, per un reato finanziario di "aggiotaggio manipolativo", pane quotidiano in quegli ambienti, solo diecimila euro di sanzione.

La Fondazione era presieduta da Mussari, attuale presidente della Banca MPS, che da allora è stato cooptato/promosso nel cda di AXA, di cui MPS vende alacremente i prodotti assicurativi, facendosi vero e proprio cavallo di troia in Italia di quei veri poteri forti in Europa che tutto fanno e disfano. Due pesi e due misure inaccettabili, spropositati e vergognosi: bisognerà forse considerare l'ipotesi di rivedere i codici per aggiornarne le sanzioni?

Diecimila euro di sanzione a una fondazione bancaria che i soldi come minimo li crea sui tuoi debiti, come norma li moltiplica come i pani con le varie leve, e come massimo li lievita in giochi di prestigio fa francamente ridere i polli. Ed è così che chi manipola e crea i crediti, si sente ed è nei fatti impunito dalla legge mentre la stessa somma della stessa multa per lo stesso reato al codice della strada sarà tanto più onerosa e iniqua per chi è precario, tiene famiglia o è usurato dagli stessi manipolatori di moneta, che di quella e altre multe se ne fanno un baffo. Anzi le preventivano pure nelle loro operazioni di moltiplicazione dei pani, briciole rispetto alla torta totale.

N. Forcheri
.......................................................................................................................................................................

http://ilcittadinoonline.it/news/142776/La_Fondazione_MPS_condannata__in_appello_a_Milano.html

24/10/2011 10:15

Cenni e Ceccherini incaricarono Mancini di tutelare l'immagine dell'Ente...

Di Red

SIENA. Una condanna in Corte d’Appello non si nega a nessuna persona o ente importante. Stavolta tocca alla Fondazione MPS che, a causa dell'operato dell'allora presidente avvocato Giuseppe Mussari e della Deputazione, ha avuto confermata dalla seconda Corte d’Appello di Milano la condanna, per aggiotaggio manipolativo, che il giudice preliminare milanese (ma a Milano non erano tutti comunisti i giudici?) Alessandra Cerreti oltre quattro anni fa aveva emesso contro Palazzo Sansedoni. Minimo una condanna del genere imporrebbe le dimissioni, subito accettate, della Deputazione: in questo caso non possono dare la colpa alle scelte sbagliate della Banca passate sopra la loro testa... Non sarebbero inopportune perfino quelle dell'illustre assente di Rocca Salimbeni, e all'Abi ci pensino da sè.

L’aggiottaggio manipolativo applicato alla Fondazione MPS lo descrive perfino il Corriere della Sera: “E’ la prima volta che un ente giuridico viene sanzionato per violazione della legge 231 nel presupposto di una nozione allargata di «interesse di gruppo», e cioè «nell’ ottica di una reciproca cointeressenza (compartecipazioni incrociate) all’epoca dei fatti tra Unipol e Fondazione Mps». Infatti “l’accordo intercorso a livello apicale tra i presidenti Unipol (Consorte) e Fondazione MPS (allora Mussari) nel marzo 2003 sospinse le azioni privilegiate Unipol fino al prezzo al quale la Fondazione Monte dei Paschi di Siena le acquistò da Finsoe (controllante Unipol). Accordo «preordinato a determinare un’apparenza di convenienza per MPS che le consentisse l’acquisto”, e nel contempo a “permettere a Finsoe di recuperare a breve-medio periodo la liquidità necessaria per un aumento di capitale di Unipol”. I giudici Calia-Galli-Paparella della Corte d’Appello di Milano hanno condannato la Fondazione Mps a 10.300 euro di sanzione, mentre hanno dichiarato la prescrizione della condanna di primo grado a 8 mesi dell’ex direttore generale Emilio Tonini.

Dopo il caso Profumo, stoppato da una inchiesta giudiziaria all’annuncio della discesa in politica, un caso che rischia di bruciare Mussari, che ha alzato appena ora la cresta contro il ministro dell’Economia. La prima condanna di Tonini aveva avuto l’onore di un comunicato stampa della Fondazione, nel 2007, “en passant” dopo gli annunci glorifici del bilancio 2006 e delle straordinarie erogazioni che ne sarebbero conseguite. Oggi ancora nulla, eppure la grave notizia è di venerdì. Cenni e Ceccherini chiesero allora a Mancini di vegliare per tutelare l’immagine della Fondazione, ma essendo nel frattempo entrambi fuori dalla visibilità degli incarichi della politica locale, di certo si cercherà di far passare la cosa sotto silenzio. Ma pare che i mugugni tra Banchi di Sopra e Piazza del Campo aumentino ogni giorno, come si racconta qua e là su internet, e nessuno si è costituito per salvaguardare i danni immagine di Siena. Chissà se qualcuno, sotto sotto, spera che la legge bavaglio venga approvata.

--
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.