Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

martedì 11 giugno 2013

Erminia Scaglione: cittadini belgi avrebbero preso parte alla decapitazione di un uomo in Siria

La bestia nera in Medio Oriente è il terrorismo wahabita salafita, sono loro che terrorizzano la popolazione siriana, sono loro che con finanziamenti internzionali decapitano cristiani e sciiti, sono loro che sono stati addestrati da generali USA e la CIA (un algerino mi ha mostrato una foto di un generale americano in compagnia di questi salafiti che avevano rapito degli impiegati in Algeria). In questo TG di RTL che descrive la scena di una decapitazione di un uomo, solo perché sciita, si sente parlare fiammingo, poiché alcuni belgi sono in Siria ad aiutare i salafiti, se ci volessero ancora prove dell’orrore che questa Europa sta esportando in Medio Oriente. L’Europa che si vanta di non essere più in guerra, ma che ha alimentato travestendola la guerra nei paesi di conquista di NATO/USA/GB/FR.
Il Belgio sta diventando un paese integralista musulmano. Dieci anni fa, ricordo che:
1 in giro si vedevano donne con il burqa, coperte da cima a fondo, neanche visibili gli occhi, senza che fossero minimamente infastidite dalle forze dell’ordine;
2 senza parlare dei numerosi casi di poligamia, di segregazione in casa delle donne, dei numerosi casi di rapimenti dei figli di matrimoni misti;
2 le bambine musulmane i cui genitori lo chiedevano dovevano astenersi da certe lezioni di scienza e GINNASTICA senza che nessuna autorità scolastica obbligasse i genitori ad accettare che le seguissero;
3 noi che facevamo trapezio volante in una scuola pubblica di un quartiere popolato da questi brutti ceffi, dovevamo fare attenzione quando ci cambiavamo in palestra che gli imam non ci vedessero, allungando il collo o usando dei binocoli, dalle finestre, per il rischio di incorrere in non so cosa, a detta del professore.
…. E questo succede più facilmente in un paese artificiale come il Belgio con poca personalità storico culturale…. Ma l’opera di distruzione delle radici culturali identitarie e storiche di questo paese è celermente in atto nel nostro paese.
N. Forcheri

 Fonte: http://andreacarancini.blogspot.it/2013/06/erminia-scaglione-cittadini-belgi.html 

DEI CITTADINI BELGI AVREBBERO PRESO PARTE ALLA DECAPITAZIONE DI UN UOMO IN SIRIA
Di Erminia Scaglione, 09.06.2013
Secondo il portavoce della procura federale, il video non è stato ancora reso noto dalla procura. “Questa è una nuova informazione per noi”, ci spiega Lieve Pellens.
L’ufficio del procuratore federale è venuto a conoscenza dell’esistenza di un video in cui alcuni giovani che parlano in olandese (fiammingo) avrebbe contribuito a decapitare un uomo nudo giacente a terra, ha riferito il portavoce del ministero Lieve Pellens.
Il video è stato pubblicato nel mese di giugno con uno pseudonimo, su un sito web che è uso proporre altri video sinistri e perturbanti. Secondo la legenda, la vittima è un uomo di una certa età accusato di essere sciita. L’autenticità del video è difficile da determinare.
Si può vedere un gruppo di giovani, che al grido di “Allah Akbar” e “Tafkir” stanno in piedi vicino alla vittima nuda mentre uno di loro gli taglia la testa dopo averlo sgozzato con un coltello.
Durante questa scena macabra, si possono sentire chiaramente le osservazioni degli astanti in olandese con un marcato accento fiammingo. Una voce si sente dire “giratelo”, seguita dalla frase mettetelo “supino (a pancia sotto)” e “tenetegli bene fermi i piedi”.
Oltre che in olandese, si sente anche parlare sia in francese che in arabo.
Secondo il portavoce della procura federale, il video non è stato ancora diffuso dalla procura. “Questa è una nuova informazione per noi”, ha detto Lieve Pellens.
“E sarà esaminata nel quadro dell’inchiesta penale in corso, denominata “Sharia4Belgium”, da parte del magistrato di Anversa, che coinvolge diversi membri dell’organizzazione salafita”.
Ma chi sono gli appartenenti a questo gruppo che predica l’integralismo islamico wahhabita in Belgio? Sharia4Belgium è un associazione che predica un adesione totale alla Sunnah e che propone ai suoi adepti di lottare per la diffusione globale dell’Islam wahhabita ad ogni costo e di non riconoscere altre leggi che la Sharia.
Il loro leader portavoce Belkacem alias Abu Imran é già stato condannato a due anni di prigione per incitazione alla violenza ed all’odio contro i non musulmani ed in generale i miscredenti, ( per i salafiti anche gli sciiti sono miscredenti), in ragione di un video diffuso su Youtube nel quale si incitava anche all’omicidio degli infedeli nella logica della diffusione dell’Islam salafita ad ogni costo. Il movimento essenzialmente denuncia la democrazia come sintomo di corruzione e fa appelli per trasformare il Belgio in uno stato islamico.
Tra i tanti deliri di Fouad Belkacem c’è la pena di morte per chi ha preferenze non eterosessuali e la venerazione di Osama bin Laden. Il gruppo opera per lo più ad Antwerp ed in ragione dei loro exploit oltranzisti nel 2010, secondo indicazione del Ministro degli interni Annemie Turtelboom, è stato messo sotto indagine ed il loro sito oscurato per un breve periodo.
In passato, la Sharia 4 Belgium ha promosso video in rete di Jihad in cui invitava i belgi a convertirsi all’Islam perché se avessero aspettano la conquista islamica sarebbero stati costretti a vivere la loro vita comedhimmi (una specie di cittadini di seconda classe).
Fouad Belkacem
 Ma i precedenti penali di Belkacem non si limitano al suo ruolo nell’organizzazione: questo oscuro personaggio ha una lunga lista di crimini che macchiano la sua fedina penale che, nel caso di furto e resistenza all’arresto, raggiungono cifre da record. Anche in Marocco è ben conosciuto perché si chiede la sua estradizione in quanto condannato nel 2012 per possesso di droghe illegali e perché connesso al traffico di stupefacenti:
Nello stesso anno l’associazione annuncia sul suo sito l’intenzione di sciogliersi, soprattuto in ragione dei problemi legali in cui i suoi membri rischiavano di essere coinvolti:
Ma sarà davvero così? La domanda che sorge spontanea è quanti soldi ha investito il Golfo, Al Saoud e Hamad Al Thani all’interno di moschee ed associazioni, per creare questi esemplari che si nutrono di odio settario e che sognano di partire per la Siria o l’Afghanistan per combattere la loro Jihad contro i miscredenti???
Reclutamento di terroristi per la Jihad in Siria: La polizia arresta il leader di Sharia4Belgium
La Polizia belga ha perquisito alcune abitazioni in ragione di evidenti elementi di prova circa le connessioni con organi di reclutamento per i gruppi di terroristi e di jihadisti in Siria. La polizia ha fatto irruzione in Belgio in circa 46 abitazioni nella città di Anversa (Belgio settentrionale) e, secondo la dichiarazione ufficiale della polizia belga, almeno una persona è stata arrestata.
Quest”individuo è stato arrestato con l’accusa di reclutamento di alcuni “volontari” (jihadisti/ terroristi) per combattere fianco a fianco con i terroristi mercenari ingaggiati dall’estero e gli islamisti fomentati dai predicatori del Golfo contro il governo siriano in ragione della sua politica laica e rispettosa delle minoranze religiose e contro l’esercito arabo siriano in Siria.
Le autorità belghe hanno già pubblicato la dichiarazione ufficiale che attesta che l’uomo che è stato arrestato è il leader del cosiddetto gruppo “Sharia4Belgium” – Fouad Belkacem. Quindi, non è una sorpresa che un tale individuo voglia reclutare soggetti come mercenari finanziati dall’estero per combattere in Siria contro il governo del laico e tollerante presidente Bashar al-Assad per riuscire ad imporre la cosiddetta legge della sharia nel paese.
 Questa cosiddetta rivolta, che è solo una copertura per la guerra per procura contro la Siria ed i tentativi di rovesciare il governo siriano e nello specifico il presidente  Assad con l’uso della forza, non è mai stata nè secolare nè pacifica. Questi fanatici religiosi, islamisti e jihadisti sono un numero enorme – tra i più ignoranti ed oscurantisti uomini armati e deliberatamente soldati di ventura – sostenuti in senso finanziario e logistico da governi stranieri, ostili alla Siria.
Tra questi Turchia, Qatar, Arabia Saudita, Giordania, Israele, Stati Uniti, Francia, Inghilterra ma anche la Germania e l’Italia sostengono i terroristi armati in in Siria, e quindi le amministrazioni dei paesi sopracitati ed anche di altri coinvolti violano a tutto titolo il diritto internazionale , quotidianamente e vantano già da due anni litri di sangue siriano sulle loro mani.
Belgio: raid della polizia – il leader di Sharia4Belgium arrestato
Secondo un portavoce della procura federale in Belgio, ci sono indicazioni precise che il sospetto del gruppo islamista radicale salafita “Sharia4Belgium” stava  attivamente reclutando ed inviando persone in Siria in modo da unirsi come mercenari ai gruppi terroristici armati già presenti sul territorio. Finora, i pubblici ministeri in Belgio hanno rifiutato di confermare che ci siano altri responsabili, oltre al (probabilmente islamista) Fouad Belkacem che  è stato arrestato.
Il gruppo “Sharia4Belgium” è un noto gruppo di salafiti e pertanto è sempre stato un gruppo pericoloso non solo per la Siria ma per ogni stato laico e tollerante ed in generale per la società. In questo caso, soprattutto per i cittadini Belgi, naturalmente. Inoltre, come è stato dichiarato, è chiaro che questi salafiti radicali vogliono rovesciare il presidente Bashar al-Assad soprattutto perché laico in Siria.
Dopo il solito comportamento e la propaganda del governo Belga, assistiamo finalmente ad una buona azione da parte loro e della polizia belga. Questi gruppi salafiti sono una minaccia per ogni società laica ed in generale per ogni stato – pertanto, hanno molte similitudini con i più pericolosi soggetti della Fratellanza Musulmana.
Il titolo di “islamisti moderati” è stato inventato alcuni anni fa – al fine di vendere meglio con questo camoufflage, le connessioni con gli islamisti dei Fratelli Musulmani all’opinione pubblica europea, per farglieli accettare. Ma non esistono “islamisti moderati”. Questa è solo una copertura e un termine fabbricato a fini di propaganda per far passare i legami dei nostri governi con il minaccioso termine “Fratellanza”, che suggerisce immediatamente l’dea di una setta, più accettabile e meno pericoloso agli europei ed agli americani.
E a prescindere da questo aspetto sicuramente preoccupante, quanti di questi fantocci mercenari delle corporazioni atlantico-sioniste gonfiate a suon di petrodollari ci troviamo in casa come mine vaganti anche qui nella vecchia Europa, pronte a rispondere a qualsivoglia agenda, manipolati in senso religioso da qualche oscuro predicatore???
Bisognerebbe ricordare ai nostri governanti guerrafondai, disposti a tutto ed a servirsi di tutti per portare avanti guerre segrete per soddisfare le politiche neo-coloniali dell’Impero che…
…Il sonno della ragione genera mostri…
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.