Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

mercoledì 25 settembre 2013

Come possiamo riprenderci la sovranità della moneta?


di Marco Saba - 25/09/2013


 

1) Abrogazione degli accordi del luglio 1981 tra l'allora ministro del Tesoro Nino Andreatta e il governatore Carlo Azeglio Ciampi. In base ad essi fu sancito il diritto della Banca d'italia a non sottoscrivere - sia parzialmente che in toto - i titoli emessi dallo Stato, costringendo il governo a mettersi nelle mani del mercato internazionale. Con quegli accordi la Banca d'Italia smise il ruolo di prestatore di ultima istanza dello Stato Italiano e il nostro debito cominciò a crescere dal 57% del PIL fino all'attuale 129%. 

2) Abrogazione della Legge Carli, n.35 del febbraio 1998, con la quale si attribuì alla Banca d'Italia la facoltà di variare il tasso ufficiale di sconto senza doverlo concordare col governo. Con ciò fu trasferità la decisionalità su tutta la politica monetaria ad un ente che di lì a poco, grazie alle privatizzazioni, sarebbe divenuto di proprietà del sistema bancario privato. 

3) Immediata applicazione della Legge a tutela del risparmio e per disciplina dei mercati finanziari, n. 262 del 28 dicembre 2005. Al punto 10 dell'articolo 19, essa disponeva che entro gennaio 2009 tutte le quote di partecipazione al capitale della Banca d'Italia dovevano essere trasferite dai soggetti privati ad enti di Stato. Tale disposizione, a seguito della mancata realizzazione dei previsti regolamenti attuativi, fino ad oggi é rimasta lettera morta. 

4) Ridiscussione di tutte le norme monetarie europee, a partire dap Trattato di Maastricht, nell'ottica del riacquisto della sovranità finanziaria e monetaria. 
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.