Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

mercoledì 23 ottobre 2013

La riunione di “Amici della Siria” a Londra


Risulta un fallimento la riunione degli “Amici della Siria” a Londra – Fonte: http://www.presstv.ir/detail/2013/10/22/330806/failure/ [1] - Traduzione  a cura di Nicoletta Forcheri
Friends of Syria group’s meeting in London fails to agree a date for Geneva II peace conference on Syria.
La riunione del gruppo Amici della Siria a Londra non riesce ad accordarsi su un adata per la conferenza di pace sulla Siria Ginevra II
Tue Oct 22, 2013
La riunione del gruppo cosiddetto “Amici della Siria” con i rappresentanti dell’opposizione siriana sostenuta dall’estero, a Londra, è fallita perché l’Arabia Saudita ha abbandonato l’Occidente e l’opposizione siriana sabotando le trattative di pace, secondo quanto dichiarato dai cronisti.
Il regime saudita, noto per sommergere di petrodollari il teatro di guerra siriano in qualità di principale sostenitori dei Takfiris, ha sopreso la riunione annunciando di cessare la sua collaborazione con l’Occidente in merito, mentre il principale gruppo di opposizione siriano ha versato acqua fredda sulla semplice idea di tentare di pacificare la Siria, e ha dichiarato che non si unirà alle trattative con il governo del Presidente Bashar Al Assad.
I Ministri degli Esteri dei sedicenti Amici della Siria – USA; Francia, Gran Bretagna, Arabia Saudita, Egitto, Germania, Italia, Giordania, Qatar, Turchia ed Emirati Arabi Uniti – partecipavano alla riunione con i rappresentanti  dei ribelli siriani a Londra per tentare di  concordare una data comune per la tanto agognata conferenza di pace Ginevra II proposta dagli USA e dalla Russia.
Alle istanze del Segretario di Stato agli Esteri britannico William Hague e di John Kerry, Segretario di Stato americano, i rappresentanti dell’opposizione siriana hanno dichiarato che potrebbero non riunire i voti sufficienti tra i membri della colazione composta dai gruppi più disparati, per partecipare alla conferenza prossima ventura a Istanbul e per costituire un fronte unito che partecipi al vertice pianificato a Ginevra per il mese prossimo.
Nel frattempo il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, il Principe Saud Al Faisal ha dichiarato che il suo paese non collaborerà più con l’Occidente sulla crisi in Siria e ha descritto come “delusione evidente” il mancato attocco del governo USA al paese mediorientale.
Il ministro saudita si è detto anche furibondo per il tentativo del presidente Obama di avvicinarsi all’Iran, secondo quanto affermato dai media.

Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.