Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

martedì 28 gennaio 2014

Dibattito alla Camera sul dl Bankitalia oggi

Non esiste stato civile al mondo che rinunci così facilmente alla sua banca centrale, un parlamento che regali con un decreto legge, vergogna! 7,5 miliardi alle banche.
Ma l'avete letto l'articolo 77? L'articolo 77 parla di urgenza e necessità. La vostra necessità è regalare 7,5 miliardi alle banche!! Non è vero che la questione riguarda l'IMU, noi non vogliamo che gli italiani paghino né l'IMU né la miniimu né le altre. Noi vogliamo che gli italiani si liberino di voi!!!

  Meloni: noi stiamo espropriando il popolo italiano della sua sovranità monetaria e nazionale! Meloni: Era meglio non sapere quello che fosse la motivazione del governo rispetto al parere contrario a questo odg. All'interno di quello che si sta consumando all'interno di questa aula che è già una RAPINA, si consuma un atto ancora più grave... L'Italia è la terza nazione al mondo per consistenza di riserve auree, 2500 tonnellate di oro pari a circa 110 miliardi di euro, che sono l'unica garanzia e ricchezza ancorché relativa rimasta agli italiani e una delle pochissime garanzie che noi abbiamo a tutela della nostra autonomia e indipendenza. Il problema non è solo regalare miliardi alle banche - a questo siamo abituati - ma che stiamo espropriando il popolo italiano, della sua sovranità monetaria e nazionale. Allora perché abbiamo presentato questo odg, secondo me un odg banale, che serviva semplicemente a mettere un punto e avere una certezza? Dice che è importante chiarire, specificare, una cosa che tutti sanno e cioè che indipendentemente dal mutare del capitale di bankitalia e del suo possesso, è evidente che queste riserve d'oro rimangono di proprietà del popolo italiano. Questo dice l'odg sul quale il governo ha dato un parere contrario, dice: possiamo mettere nero su bianco che le riserve auree, oro frutto del sudore degli italiani, rimane di proprietà del popolo italiano e già che ci siamo si può chiedere il rientro dei lingotti d'oro che dovessero essere detenuti fuori dai confini nazionali all'interno dei confini nazionali? E il sottosegretario Baretta non risponde a questa banale domanda, ci dice certo che è cosi, e la domanda viene spontanea: ma se è così, cosa osta SCRIVERLO? ma se è così perché Lei da un parere contrario su una cosa banale che tutti sappiamo? Faremo una sottolineatura superficiale, per alcuni, perché il fatto di non volere mettere nero su bianco, lascia adito a pensare che le cose non siano come voi lo state dicendo, e cioè che il vostro secondo passo, dopo avere rivalutato le quote di Bankitalia, che significa svendere la nostra banca centrale, sia anche regalare ai vostri amici banchieri e del governo anche l'oro della banca d'Italia, l'oro degli italiani, che sarebbe l'ultimo atto di tradimento di questo parlamento nei confronti degli italiani. Siccome penso che siamo tutti d'accordo che l'oro custodito nei sotterranei e non solo della banca d'Italia è degli italiani, potete cortesemente votare questo odg cosicché noi facciamo una cosa banale che ci difende dall'accusa di alto tradimento e ribadire che l'oro che sta nel sottoscala della banca d'italia e non solo è di proprietà degli italiani e in nessun modo può essere toccato dai nuovi proprietari di bankitalia ?
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.