Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

domenica 16 marzo 2014

Clamorosa ammissione della Bank of England: la moneta è una falsa cambiale!

Fonte: http://www.positivemoney.org/2014/03/official-economics-students-misinformed-says-bank-england/

E' ufficiale! Gli studenti di economia sono disinformati, afferma la Bank of England

scritto da GRAHAM HODGSON (GUEST AUTHOR) il 13 marzo 2014.

Almeno a partire dagli anni sessanta, le banche centrali hanno pacificamente reso pubblico il messaggio in comitati ufficiali, sia pur a sprazzi, qui e la, attraverso relazioni e prove documentali, che la moneta è creata dalle banche private al momento dell'erogazione di un prestito. Ma nelle loro dichiarazioni al grande pubblico hanno continuato a ripetere le finzioni divulgate nei libri di testo economici sul riprestito dei depositi, i requisiti di riserva e il moltiplicatore monetario.
Adesso la Bank of England, per il suo 320esimo anniversario, ha  ufficialmente reso noto che le cavolate insegnate agli studenti di economia in tutto il mondo sono proprio per l'appunto cavolate. Le banche non riprestano i depositi. I depositi sono passività che giacciono nei bilanci delle banche, non attivi che possono essere riprestati. Non esiste un moltiplicatore monetario che consente ai regolatori di determinare quanta moneta può essere resa disponibile all'economia attraverso l'imposizione dei requisiti di riserva. Le banche centrali non possono neanche stimolare in modo affidabile il credito alla produzione per promuovere lo sviluppo dell'economia inondando il sistema di riserve poiché le riserve non possono essere riprestate e i depositi creati in virtù di misure come i quantitative easing possono solo servire a rimborsare il debito invece che negli investimenti alla produzione.
I detrattori sarcastici che hanno attaccato costantemente Positive Money per i primi due o tre anni della nostra campagna adesso possono  essere aspramente contraddetti con questa verità collaudata (nel caso ve ne fossero ancora da contraddire).
Ma la Banca Centrale insiste ancora che la moneta è una cambiale [IOU]. E' sicuramente il caso per la moneta bancaria dove i depositi bancari costituiscono le iscrizioni degli obblighi riconosciuti dalle banche nei confronti dei depositanti per saldare i pagamenti che vogliamo fare, ricorrendo alle loro stesse riserve. Quindi i depositi bancari sono in realtà cambiali a nostro vantaggio. Ma la Bank of England dichiara che anche le riserve  sono cambiali della BC nei confronti delle banche commerciali. Però non è per nulla chiaro che cos'è che la BC ha intrapreso di fare per, o a nome delle banche di cui annovera le riserve, a parte il fatto di rimborsare alle stesse banche i collaterali che queste ultime hanno dovuto presentare per inizialmente acquisire le riserve. E concludono che le banconote sono cambiali della BC a noi stessi, per la ragione fasulla che riceviamo nel resto una banconota vecchia e fuori corso di 20£ (chi mai riceve come resto una banconota da 20 sterline?), abbiamo il diritto di chiedere alla BC che essa venga sostituita con  una banconota da 20 nuova di zecca! Quindi la banconota è una cambiale [riconoscimento di debito, NdT] di che cosa? Di un'altra banconota da 20 in un lasso di tempo di 10 anni?
Non crediamo che la moneta delle BC sia una cambiale della BC. Piuttosto è un simbolo che riconosce, a nome nostro, il nostro impegno comune di produrre beni e servizi disponibili alla vendita a qualsiasi detentore di moneta della stessa BC. La moneta delle BC, moneta sovrana [dei banchieri, NdT], non è un debito, non è una cambiale, è un simbolo del nostro impegno condiviso gli uni nei confronti degli altri in quanto cittadini di uno stato sovrano.

Traduzione a cura di Nicoletta Forcheri

Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.