Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

venerdì 4 aprile 2014

Clearstream indagato negli USA per riciclaggio

Fonte: http://www.lesechos.fr/entreprises-secteurs/finance-marches/actu/0203415955724-clearstream-soupconnee-de-blanchiment-aux-etats-unis-661667.php Traduc a cura di N. Forcheri

Par Les Echos | 02/04 | 08:10 | mis à jour à 10:07

L’operatore di borsa tedesco Deutsche Börse ha annunciato mercoledì che la sua filiale di compensazione Clearstream è oggetto di una indagine negli USA, in cui è sospettata in particolare di avere riciclato denaro sporco.

Clearstream, qui a eu maille à partir avec le département du Trésor américain (ici le bâtiment de Washington), fait l’objet d’une nouvelle enquête. - AFP
Clearstream, qui a eu maille à partir avec le département du Trésor américain (ici le bâtiment de Washington), fait l’objet d’une nouvelle enquête. - AFP
L'operatore di borsa tedesco Deutsche Börse ha annunciato mercoledì che la sua filiale di compensazione Clearstream è al centro di una indagine negli USA, in particolare per presunto riciclaggio. "L'indagine si trova a uno stadio precoce e Clearstream collabora completamente con la giustizia" precisa un comunicato. 
Un gran giurì americano sta valutando se Clearstream abbia fornito dei servizi all'Iran o alla sua banca centrale, Bank Markazi in collegamento con gli attacchi delle caserme americane a Beirut perpetrate nel 1983 dall'Hezbollah pro iraniano e che aveva provocato 241 morti tra i Marine,  ha indicato un procuratore federale di New York citando documenti connessi all'attentato. 
L’indagine è collegata al caso Deborah Peterson, sorella di James Knipple, un marine americano ucciso nell'attentato di una caserma di militari americani a Beirut nell'ottobre 1983. Le vittime di questi attacchi e le loro famiglie hanno citato varie banche tra cui la banca Markazi Jomhouri Islami Iran e adito la corte federale di Manhattan per ricuperare la somme di 2,7 miliardi di dollari che la giustizia ha assegnato loro.

Transazioni moneterie illecite



Secondo il procuratore aggiunto Alexander Wilson, citato dall'agenzia Bloomberg, l’indagine verte su fatti di ostruzionismo, di transazioni monetarie illecite e di violazioni delll’International Emergency Economic Powers Act, una legge dell'amministrazione Obama nel contesto delle sanzioni all'Iran.
A gennaio Clearstream accettava di corrispondere  152 milioni di dollari per saldare le richieste civili relative alle accuse di infrazione delle sanzioni economiche americane sull'Iran. Il Dipartimento del Tesoro americano accusa Clearstream di essersi avvalsa del conto di una società finanziaria americana non identificata per piazzare 2,81 miliardi di dollari di titoli per conto della Banca centrale iraniana.
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.