Di Salvatore Santoru

Come rivelato dall'importante amico e collaboratore di Aldo Moro ,Corrado Guerzoni, il politico fu minacciato di morte da un potente personaggio statunitense, quando era ancora ministro . Anche la vedova, Eleonora Moro, testimoniò questo fatto citando le parole che erano state riferite al marito : " Se non cambi la tua linea politica , la paghi cara .

Quell'importante personaggio che minacciò di morte Moro era il segretario di stato statunitenseHenry Kissinger .

Moro fu ucciso da membri dell'organizzazione terroristica " Brigate Rosse " il 9 maggio 1978, ma come rivelato dal giurista e politico Giovanni Galloni in un'intervista a Rai News 24 ,  questi killer erano gestiti dalla CIA e dal Mossad .
Come riportato nell'intervista lo stesso Moro sapeva chi c'era dietro le BR e rivelò tutto questo allo stesso Galloni poche settimane prima del suo rapimento .



Al caso Moro è legata anche la P2 , la famigerata loggia massonica deviata guidata da Licio Gelli , che fu coinvolta in molti episodi di quella che venne chiamata la " strategia della tensione " , dalla strage di Piazza Fontana a quella di Bologna passando per lo stesso omicidio Moro .
Essa  era sostenuta dai servizi segreti statunitensi e veniva usata per mantenere l'Italia sotto il dominio atlantico .



Infatti, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e l'avvento della Guerra Fredda, l'Italia era diventata parte della NATO e in questo modo risultava de facto una colonia statunitense .
Anche l'Unione Sovietica era interessata allo Stivale e difatti le maggiori formazioni politiche del periodo dipendevano perlopiù da una o dall'altra parte in gioco : la Democrazia Cristiana e buona parte dell'elitè della destra conservatrice era sostenuta e finanziata dagli USA , il PCI e buona parte dell'elitè della sinistra progressista e radicale dall'URSS .
La " strategia della tensione " è stata considerata  come il tentativo (riuscito) di mantenere  l'Italia sotto l'orbita statunitense rafforzandone la dipendenza e bloccando una possibile rivoluzione comunista . 

Questa tesi è per molti versi vera , ma ciò che dava più fastidio alla NATO ( e all'URSS ) era una possibile autodeterminazione italiana , che mirasse a rendere indipendente la nazione emancipandola dai rispettivi interessi imperialistici di USA e Unione Sovietica .

L'omicidio Moro in ciò è emblematico .

Egli , proveniente dall'ala di sinistra della DC , voleva sostanzialmente liberare l'Italia dal dominio atlantico e dalle pressioni sovietiche .

Lo statista si opponeva sia all'ala più conservatrice e filo-atlantica del paese ( vertici del Vaticano , militari e buona parte della DC ) sia a quella cosiddetta progressista , tendente all'estrema sinistra e filo-sovietica.

Il ricercatore statunitense John Coleman in " Il Comitato dei 300 : la gerarchia del cospiratore " scrive che :

" Moro progettava di dare stabilità all' Italia attraverso la piena occupazione e la pace industriale e politica, rafforzando l'opposizione cattolica al comunismo e facendo in modo che la destabilizzazione del Medio Oriente fosse più difficile da ottenere " .

Difatti la politica  estera dell'ex statista era  fortemente incentrata sugli accordi economici e politici con i paesi mediorientali " non allineati " , accordi che servivano a garantire l'indipendenza energetica , politica e generale dell'Italia , e tutto ciò naturalmente dava molto fastidio agli USA .

Moro non era ben visto neanche da buona parte della destra e della sinistra italiana .

Da una parte era accusato di essere in combutta con i " comunisti " in quanto era favorevole ad un'alleanza con una buona parte della sinistra , dall'altra veniva considerato di " destra " in quanto rifiutava di consegnare tutto il paese in mano alla sinistra ed era antisovietico .

In realtà probabilmente fu uno dei pochi politici interessato alla collettività , e su questo trascendeva le posizioni politiche di " destra " e " sinistra " .

L' estrema sinistra " rivoluzionaria " ( e spesso armata ) di cui erano espressione le " Brigate Rosse " e altri gruppi , vedeva in lui un forte nemico , e in questo le posizioni di essa convergevano con quelle degli USA .

La sua politica estera di stampo pacifista e di collaborazione interna non poteva essere condivisa da entrambi : difatti sottraeva l'Italia dall' influenza statunitense e allontanava la tentazione del comunismo , che si basava perlopiù sul malcontento derivato dal dominio della NATO e dei suoi pupilli  .

Che dietro l'omicidio Moro ci sia stato lo zampino della P2 e della CIA è molto plausibile ed è una teoria che gode di forte credibilità .
 Inoltre a ciò si deve aggiungere che secondo alcuni ricercatori e storici anche il KGB fu coinvoltonell'omicidio di Moro e come hanno fatto diversi opinionisti , ipotizzando si potrebbe dire che sia la CIA che i servizi segreti sovietici possano essere stati coinvolti nell'eliminazione di un nemico comune , preferendo un'occasionale collaborazione utile ad entrambi, nonostante il fatto di essere ufficialmente in " guerra " l'uno con l'altro .

Bisogna aggiungere che tutto il periodo della " strategia della tensione " e degli " anni di piombo " fusegnato da forti interferenze da parte di servizi segreti di diversi paesi e vari intrighi , molti dei quali rimangono ancora un mistero .

Come affermano molti ricercatori e storici , il terrorismo di destra ( nero ) e di sinistra ( rosso ) che insanguinò l'Italia per molti anni ,  spesso fu sostenuto e manovrato da parte dei servizi segreti statunitensi e più raramente sovietici ( ma anche di altri paesi ) , allo scopo di destabilizzare l'Italia facendo di tutto per evitare una possibile autodeterminazione della stessa .

Tornando a Moro, è interessante sapere che come rivelato da un'articolo del quotidiano " la Stampa " del 2009 , nell'autunno del 1977 dopo una lezione all'istituto di scienze politiche dell'università " La Sapienza " di Roma  in cui insegnava, disse agli affezionati studenti che gli chiedevano del suo futuro incarico come Presidente del Consiglio : 

" Ma voi che davvero credete che non sappia che farò la fine di Kennedy ? "

Difatti , come dice un famoso detto : " chi tocca i fili del potere muore " .