Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

lunedì 30 giugno 2014

Archivi 2004: Alfonso Hohenlohe Langenburg sposa nel 1955 l'erede della Fiat, la discendente di Carlomagno, Ira von Furstenberg, a soli 15 anni

Prince Alfonso Hohenlohe-Langenburg, 79; Built Resorts

By DOUGLAS MARTIN
Published: January 19, 2004 http://www.nytimes.com/2004/01/19/world/prince-alfonso-hohenlohe-langenburg-79-built-resorts.html
Prince Alfonso Hohenlohe-Langenburg, who turned the Spanish fishing village of Marbella into a glittery jet-set playground, died Dec. 21 at his home there, the town authorities told Agence France-Presse. He was 79.
The cause was prostate cancer, the authorities told European newspapers. The prince's life was chronicled in American and European papers as the fairy tale it seemed to be.
Between race cars, shark-fishing and dancing the twist with Grace Kelly, he somehow found time for considerable achievements, the best known being his opening in 1954 of the Marbella Club on the Costa del Sol, a destination that socialites quickly added to their short list of Biarritz, St.-Tropez and Capri.
Affectionately known as the King of Clubs, he built other luxury resort developments in the Arabian Gulf, the Bahamas, the Philippines, Mexico and Miami. He also acquired the Volkswagen franchise for Mexico, the Volvo franchise for Spain and a car dealership in Texas. In his later years, he produced wine of international repute.
Prince Alfonso's fame burned brightest in 1955, when he married Princess Ira von Fürstenberg, descendant of Charlemagne and heiress to the Fiat fortune, who was 15 and had received a special dispensation from Pope Pius XII because she was below the age of consent.
High society's initial shrieks of scandal metamorphosed into unabashed delight over a wedding celebration that lasted 16 days, attracted 400 members of Europe's royal families and included 100 decorated gondolas.
The New York Daily News Sunday Magazine noted that the bride was 45 minutes late. ''You're awfully late, dear,'' Prince Alfonso was heard to mutter in English.
The marriage lasted five years and produced two sons before the princess ran off with Francisco Pignatari, one of Brazil's wealthiest industrialists and at the time a well-known playboy. Prince Alfonso brought adultery charges against Mr. Pignatari, causing him to spend several hours in a Mexican jail.
The Principato, or little prince, as Prince Alfonso was known, pulled himself together and became one of the world's most eligible bachelors, taking up briefly with Ava Gardner and Kim Novak and going on to marry twice more.
One of six children, the prince was born Alfonso Maximiliano Victorio Eugenio Alexandro Maria Pablo de la Santísima Trinidad y Todos los Santos in Madrid on May 28, 1924.
He was baptized at the royal palace, with King Alfonso XIII, for whom he was named, and Queen Victoria Eugenia as godparents.
His father was Prince Max Egon Maria Erwin Paul von Hohenlohe-Langenburg. His mother was Doña María de la Piedad Iturbe y Scholtz, a marquesa who at the time of her marriage owned a castle in Madrid, a hotel in Málaga and vast estates in Portugal and Mexico, according to The Daily Telegraph.
Family fortunes were depleted through the loss of properties in Czechoslovakia because of World War I, in Mexico because of the Mexican Revolution and in Spain because of the Spanish Civil War. World War II devoured family estates in Germany.
In 1947, Prince Alfonso's father sent him to look for money-making property in Andalusia. While traveling from Gibraltar to Málaga in a charcoal-powered Rolls-Royce Phantom, he and his uncle stopped for a picnic in Marbella. Prince Alfonso persuaded his father to sell some of his wine cellars to buy land there, selling it in turn to people with last names like Bismarck and Metternich.
Prince Alfonso sold his own Marbella house to the Rothschilds in 1954 and converted a nearby farmhouse on a 24-acre estate into the Marbella Club. It became a mecca for Middle Eastern princes, Hollywood stars and the oldest families in Europe.
The prince took personal interest in every aspect of his creation, from architecture to menus. Sammy Davis Jr. and other stars entertained, and the regular piano player, a friend of the prince, was a Spanish nobleman directly descended from 56 kings. The Duke and Duchess of Windsor were guests. Many visitors arrived by helicopter.
But by the end of the 1970's, Marbella had become too popular for the prince's taste, and he sold most of his interest in the club.
He became a winemaker and owner of a gourmet restaurant near Ronda, in Spain.
Prince Alfonso is survived by his two sons from his first marriage, Prince Christopher and Prince Hubertus; a daughter, Princess Arriana, from his marriage to Jackie Lane, an actress, which ended in divorce, and another daughter, Desirée, from a relationship with Heidi Balzar.
His third and last wife, Princess María Luisa, died in 2000.
The prince led a very happy life, at least according to The Independent.
''I have lived in castles, in Venetian palaces and the world's finest hotels,'' the paper quoted him as saying. ''I have watched the sun rise over the beaches of five continents and I have looked into the eyes of the most beautiful women of the universe.''
Photo: Prince Alfonso Hohenlohe-Langenburg in 1955 with Princess Ira von Fürstenberg, a Fiat heiress, who was 15 years old when they married. (Photo by Associated Press)

Storia: L'assassinio di Abraham Lincoln



L'assassinio di Abraham Lincoln
Il presidente Lincoln, invece di finanziare la Guerra civile americana ricorrendo ai soliti prestiti dei banchieri internazionali (che pretendevano il pagamento di tassi di interessi tra il 24 e il 36 per cento), fece stampare la moneta di cui aveva bisogno in modo gratuito direttamente allo Stato.
Lincoln evito' in questo modo di far sprofondare la nazione nella spirale del debito pubblico, provvedendo alla messa in circolazione di oltre quattrocento milioni di dollari non gravati da debito e da interessi, ovvero i cosiddetti 'green backs'. Con questi soldi vennero pagati i soldati, gli impiegati pubblici e tutte le forniture di guerra.
I banchieri internazionali come i Rothschild, che fino a quel momento stavano finanziando entrambi gli schieramenti in guerra, tuttavia non potevano tollerare che qualcuno scoprisse le loro carte. Cosi', poco tempo dopo l'approvazione del provvedimento del 1865 che dava via libera ai green bucks di Lincoln (1865), il presidente fu barbaramente assassinato da John Wilkes Booth; era il 14 aprile del 1865. Per cancellare ogni prova del coinvolgimento dei poteri forti nella vicenda anche Booth venne a sua volta tolto di mezzo da Judah P. Benjamin, un massone di alto grado e agente dei Rothschild. Successivamente alla morte di Lincoln torno' tutto come prima, il governo revoco' la legge sulle banconote di stato e mise fine al denaro esente da debito e interesse. L'elite fece infatti approvare una nuova legge bancaria nazionale e tutto il denaro torno' a essere gravato da interesse.

''Abbiamo dato al popolo di questa repubblica la piu' grande benedizione che abbia mai ricevuto, una moneta propria per pagare i suoi debiti...'' Abraham Lincoln

31 maggio 2012: Rothschild-Rockefeller matrimonio d'interesse

Fonte: http://www.lastampa.it/2012/05/31/blogs/finestra-sull-america/rothschild-rockefeller-matrimonio-d-interesse-x1CHBNBXpqhOeSW2yIpiHO/pagina.html


MAURIZIO MOLINARI
Alleanza transatlantica fra le più potenti dinastie di banchieri
CORRISPONDENTE DA NEW YORK
I banchieri d’Europa, finanziatori di Papi e imperatori, si alleano con la dinastia più ricca e rispettata di Wall Street con un patto di entità segreta il cui intento è rigenerare la vitalità della finanza transatlantica aggredita dalle crisi e sfidata dai nuovi rivali emergenti sui mercati di Asia e Russia.

L’intesa fra Lord Jacob Rothschild, 76 anni, e David Rockefeller, che ne ha venti di più, segna un momento di fine e al tempo stesso di inizio della finanza occidentale come oggi noi la conosciamo. Ciò che termina è la parabola parallela di due imperi riusciti a crescere e fiorire nei rispettivi mondi senza mai scontrarsi. La casata degli «Scudi Rossi» (Rothschild) di Francoforte sul Meno si origina nel 1744 da Mayer Amschel, cambiavalute ebreo del principe d’Assia, per diventare durante le guerre napoleoniche indispensabile allo sforzo bellico che consente al Duca di Wellington di vincere a Waterloo per poi conquistare titoli nobiliari e fortune nell’Impero d’Austria come nel Regno Unito, arrivando a finanziare imprese dall’apertura del Canale di Suez alla creazione della Rhodesia. Mentre il ramo francese della famiglia inaugura ferrovie e miniere destinate a trasformare l’Esagono in una moderna potenza industriale, con la ramificazione italiana che all’inizio del XIX secolo passa per Napoli da dove i Rothschild costruiscono un solido rapporto con il Vaticano fino al punto da essere definiti dall’Enciclopedia Judaica come i «guardiani dei tesori del Pontefice» Gregorio XVI.

Sopravvissuti alle tempeste del Novecento grazie ad un profilo meno vistoso, i Rothschild dal 1980 sono guidati da Lord Jacob, il IV barone, il cui trust nel 2008 vantava proprietà per 3,4 miliardi di dollari riuscite a sopravvivere alla tempesta finanziaria degli ultimi anni grazie «a scelte manageriali molto conservatrici» come lui stesso ha spesso ripetuto a partire dal 2010. La cassaforte di Lord Jacob è la RIT Capital Partner, di base a Londra, che ora acquista il 37 per cento dei Rockefeller Financial Services ovvero la nave ammiraglia della corazzata di Wall Street guidata da David Rockefeller, dotata di un portafoglio stimato in almeno 34 miliardi di dollari.

Sin dalla fondazione nel 1882 da parte di John D.Rockefeller, capo della dinastia, la Financial Services ha accompagnato genesi e trasformazioni della potenza economica americana, dagli iniziali investimenti industriali in petrolio, acciaio e carbone allo sviluppo delle ferrovie fino al debutto della moderna finanza, simboleggiata dal complesso di 16 edifici del Rockefeller Center costruiti nel bel mezzo di Manhattan. Al momento della morte il patriarca John era considerato l’uomo più ricco d’America. Fra i suoi cinque figli è stato David a esserne l’erede nella gestione di un immenso patrimonio che lo ha portato, fra l’altro, a diventare presidente e quindi principale azionista della banca JP Morgan Chase. È stato proprio David Rockefeller nel 2011 a introdurre Lord Rothschild, che conosce da oltre 50 anni e con cui condivide la passione per la filantropia, al proprio Ceo americano, Reuben Jeffrey.

Da questo colloquio hanno avuto inizio i contatti prima esplorativi, poi divenuti sempre più concreti, che hanno portato ad un acquisto di quote dei Financial Services per un valore destinato a rimanere coperto dal più assoluto segreto, nel rispetto di una tradizione di riservatezza che la vecchia finanza europea condivide con gli «Old Money» di Wall Street.

Ci possono essere tuttavia ben pochi dubbi sul fatto che l’investimento guidato dalla banca franco-svizzera Edmond de Rothschild Group, di cui il Financial Times per primo ha dato notizia, miri a consolidare le fondamenta industriali di un gigante finanziario euro-americano che si presenta come la più importante roccaforte transatlantica su un mercato globale dove i protagonisti più aggressivi sono i banchieri delle economie emergenti, dalla Russia a Cina e India, intenzionati a sfruttare il momento favorevole per insediarsi a Parigi, Francoforte, Londra e New York. Ovvero, le piazze finanziarie dell’Occidente che Lord Jacob e David Rockefeller hanno contribuito a creare.

Colpevole o innocente?

domenica 29 giugno 2014

Galloni: euro e austerity, le due facce della stessa medaglia

Fonte: http://www.ilnord.it/index.php?id_articolo=3203#.U6-8Y0vAgmM.facebook

''LA SINISTRA PENSA SIA POSSIBILE FINIRE L'AUSTERITY E MANTENERE L'EURO MA E' UN TRAGICO ERRORE'' (PROF. NINO GALLONI)

domenica 29 giugno 2014
Il professor Nino Galloni, economista, già docente dell'Università Cattolica di Milano della Luiss e dell'Università di Modena, racconta quali sviluppi attendono l'Europa dopo le elezioni, ma soprattutto cosa accadrà in Italia, il vaso si coccio del Vecchio Continente. 
Straordinaria intervista. Leggiamo.
Ad un mese dalle elezioni europee non sembra che sia cambiato molto, se non per il fatto che PPE e PSE hanno gettato la maschera di finta opposizione che hanno avuto in questi anni e inizieranno a governare insieme anche a Bruxelles. Quali sono le sue previsioni, a livello economico e politico, per i prossimi mesi?
Il caso recente della Libia dimostra, aldilà di ogni ragionevole dubbio, come negli ultimi mesi l'Unione Europea abbia fatto grandissimi passi indietro, almeno per chi credeva nel progetto, e tenderà ad un isolamento geopolitico sia rispetto alle grandi strategie in corso da parte degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e dell'Arabia Saudita da una parte, sia per la nuova realtà dei paesi emergenti (Cina, Russia, India, Brasile…), dall'altra.
L'Europa ha perso tutti i treni possibili e lo sfogo di Alfano come ministro degli interni lo dimostra: "avete bombardato la Libia e ora ci lasciate soli". E' una situazione grave. Dalla tempesta nel bicchiere d'acqua delle elezioni europee è emerso come la stragrande maggioranza, oltre l''80%, dell'elettorato è contro l'austerity. Ma, prevale, soprattutto nel Pse, l'idea che si debba uscire dall'austerity, ma restare nell'euro, quindi in quest'Europa. Tale posizione presenta contraddizioni irrisolvibili, fatti salvi i recenti interventi della Bce. Nel breve e medio termine, in altre parole, prevedo un aumento del conflitto sociale che non esploderà a livelli incontrollabili solo se le misure monetarie della Bce avranno effetti sull'economia reale, come si augura Draghi. Se questo non dovesse accadere, la crisi si porterà dietro l'attuale governo italiano e il principale partito del Pse in Europa, in entrambi i casi il PD di Renzi.
Quali sono le scelte da fare immediatamente nell'emergenza sociale attuale?
Fare in Italia una Banca pubblica per collateralizzare i crediti della pubblica amministrazione che sarebbero, per quello che ho letto nei comunicati della Bce, eligibili. Si potrebbero così gestire nel tempo circa 600 miliardi di euro con i quali fare piani di assetto idrogeologico, l'edilizia scolastica, un vero piano di lavoro, il reddito di cittadinanza, ricerca e sviluppo. Senza queste risorse è ovvio che non si possa realmente uscire dalla crisi. L'euro è stato fatto per l'austerità e l'austerità per l'euro: se non si riesce a sanare questa contraddizione, riducendo il condizionamento dei Trattati, non se ne esce vivi.
L'emergenza l'ho studiata a livello nazionale, più che europea. E in Italia si può immediatamente emettere della moneta fiduciaria, lo Stato può emettere voucher, buoni acquisto, certificati di credito erariali per pagare i suoi debiti, denominati in euro ma che non sono moneta legale, dopo di che questa moneta fiduciaria va a circolare tra i privati, rimette in moto l’economia e poi lo Stato la accetta in  pagamento di tasse e tributi. Se questo viene fatto ad inizio di anno contabile e produce effetti sul Pil non avremo un aumento dei disavanzi. Se l'Italia potesse investire, in questo modo, un 50-100 miliardi all'anno dei suoi crediti trasformati in euro per fare investimenti, allora certo che riprenderebbe competitività ed efficienza. 
A livello europeo tutto resta al livello teorico: imporre il fatto che gli investimenti siano al di fuori di Maastricht sarebbe un grande passo avanti, ma a livello teorico, come è teorico anche dire uscire dall'euro per ritornare alle svalutazioni monetarie, perché l'euro è stato proprio fatto per impedire che l'Italia svalutasse. Un conto sono i discorsi teorici di stimati colleghi, di cui condivido le analisi e anche le soluzioni, ma solo a livello di teoria e di accademia. Nella prassi, invece, bisogna confrontarsi con il dato di fatto che la moneta unica è stata creata per impedire all'Italia di essere troppo competitiva.
Nel contesto attuale, qual è il paese che potrebbe a breve porre un aut aut per la partecipazione nella zona euro?
Se si ragiona così non se ne esce: ci salviamo tutti se accettiamo le stesse regole e le stesse logiche anche per il vicino. Se la Germania vuole un’austerity limitata per sé e totale per gli altri europei (selezionandosi per l’Est) o la Francia vuole protezione per sé, ma non per gli altri non se ne esce. Il vero cambiamento è di vedute, atteggiamenti, mentalità: l’egoismo ci porta solo verso la distruzione, le guerre, il conflitto sociale violento, la barbarie.
Ritiene però che ci sia un paese dove la situazione sia maggiormente a rischio?
Sicuramente in Francia, dove le tensioni sociali sono al limite di rottura e nemmeno Marine Le Pen potrebbe rivelarsi il leader adatto per uscirne, nonostante le sue dichiarazioni tutto sommato moderate e per certi versi accettabili. Il rischio è che prendano il sopravvento altre forze. Anche in Italia si può vedere nel M5s sia il lato positivo, vale a dire l'aver mosso tutta una serie di energie nuove, ma, come ha dichiarato pure lo stesso Grillo, il fatto di aver placato le degenerazioni potenzialmente fuori controllo della protesta sempre pronte ad accendersi. Se il Movimento 5 Stelle dialoga con Farage, lo scenario è post europeo, viceversa il paradosso è che con la Le Pen si potrebbe arrivare ad una confederazione di Stati Sovrani invocata anche da Putin. Il che presuppone, a mio avviso, almeno una doppia circolazione monetaria. Moneta virtuale, di conto e per le compensazioni internazionali e moneta reale, popolare, nazionale.
Intervista realizzata da Alessandro Bianchi per l'Antidiplomatico.it - che ringraziamo.

''LA SINISTRA PENSA SIA POSSIBILE FINIRE L'AUSTERITY E MANTENERE L'EURO MA E' UN TRAGICO ERRORE'' (PROF. NINO GALLONI)

La curiosa vendita dell’oro ucraino all’Iraq

 Fonte: http://www.elblogsalmon.com/entorno/la-curiosa-venta-del-oro-ucraniano-al-gobierno-de-irak
Marco Antonio Moreno El Blog Salmon 7 aprile 2014
29334Ukraine_Gold_Feds_largeAll’alba del 7 marzo, in segreto e procedendo nel buio della notte, a Borispol, l’aeroporto di Kiev, un grosso aereo, senza distintivi e con una forte scorta armata, caricava 40 casse di lingotti d’oro della Banca Centrale ucraina. L’operazione fu annunciata dal giornale russo Iskra, inizialmente smentito dalla FED, ma l’aereo si diresse negli Stati Uniti. I media europei non ne parlano nonostante il  grande sostegno al colpo di Stato e al governo ad interim del primo ministro Arsenij Jatsenjuk. Era il prezzo della “liberazione” dell’Ucraina per mano di UE e USA? 40 pallet con lingotti d’oro sono molto più delle riserve auree dell’Ucraina. Secondo il World Gold Council, nel febbraio di quest’anno l’Ucraina aveva 42,3 tonnellate di riserve auree nelle casse della banca centrale. Ogni pallet contiene 290 lingotti d’oro da 400 once, cioè 3,6 tonnellate per pallet, e a 1300 dollari l’oncia sono 150 milioni di dollari per pallet. Dieci pallet fanno 36 tonnellate di oro che ammontano a poco più di 1,5 miliardi di dollari.
1,5 miliardi
Il 25 marzo, il Financial Times informava che l’Iraq ha acquistato 36 tonnellate di oro per un valore di circa 1,5 miliardi di dollari. La Banca centrale irachena ha riferito sul suo sito web che l’oro acquistato è volto a “rafforzare la politica monetaria e la valuta (il dinaro) iracheni”. L’Iraq ha acquistato 36 tonnellate di oro, aggiungendole alle 29,8 tonnellate della riserva, al prezzo di 1,5 milioni di dollari. Ora ha 65,8 tonnellate di oro e ciò significa la promozione che vedremo sul prossimo numero di World Gold Council. Sulla mappa delle riserve auree, l’Iraq si trova ora tra Brasile, Egitto ed Indonesia. Tuttavia, anche se nessun governo ha acquistato tanto oro in una sola volta, negli ultimi tre anni, tale acquisto non ha generato reazioni sul prezzo dell’oro. Quando l’anno scorso Cipro fu costretta a vendere parte parte delle sue 13,9 tonnellate di oro delle riserve, vi furono grandi convulsioni sui mercati. Questa volta, con una operazione quasi tre volte più grande, i mercati sono calmi. Ciò forse per la segretezza con cui l’operazione è stata condotta (Reuters e Financial Times confermano l’acquisto, ma non ne indicano l’origine), e gli speculatori della City di Londra sono in stato di shock dopo le sanzioni per la manipolazione dei Tibor e Libor; i tassi di cambio e dei prezzi delle derrate e delle materie prime.
La domanda globale di oro
La domanda globale di oro è diretta da Cina e India, principali consumatori di prodotti di gioielleria, elettronica e finanziari. Come mostra questa lista della WGC, la Cina l’anno scorso ha acquistato 1066 tonnellate di oro, e l’India 975 tonnellate, anche sul mercato nero. Questa era la domanda di oro nel 2013, secondo WGC:
650_1000_dda-oro-por-paisL’oro ucraino è stato acquistato dall’Iraq? Essendo l’Ucraina appena divenuta un satellite degli Stati Uniti, sulla giusta via della “liberazione”, e Baghdad “liberata” dagli Stati Uniti da dieci anni, è lecito sospettarlo: l’Iraq acquista oro dall’Ucraina. Ora dobbiamo vedere se l’Ucraina ha ricevuto 1,5 miliardi di dollari. Almeno, gli Stati Uniti hanno offerto una garanzia di 1 miliardo sui prestiti da concedere all’Ucraina. Secondo GoogleMaps, il viaggio in aereo da Kiev a Baghdad dura 6 ore e 55 minuti:
viaje-kiev-bagdad-ebsCome sottolineato qui, ciò che veramente dovrebbe riguardare l’Europa, e soprattutto la Germania, è la velocità con cui gli Stati Uniti spostano l’oro dall’Ucraina alla Federal Reserve o a Baghdad, e la lentezza che dimostrano nel restituire alla Germania 33 tonnellate di oro in un anno, su 1500 tonnellate custodite dalla Federal Reserve a Fort Knox. Un altro fatto non privo di significato è l’assenza d’interesse dell’Unione europea su tali informazioni e la mancanza di trasparenza nel sapere il motivo per cui, a un paio di giorni dalla presa del potere, il primo ministro ad interim Jatsenjuk s’arroga il diritto di liquidare le riserve auree del Paese. L’unica certezza è che gli ucraini sono stati espropriati delle loro riserve auree, e forse per sempre. Benvenuti nel mondo occidentale.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Legge pro signoraggio terziario, bancomat obbligatorio sopra il 30%

bancomat

LEGGI ALL’ITALIANA - DA DOMANI, PER I PAGAMENTI OLTRE I 30 EURO (SIC!) BISOGNA USARE IL BANCOMAT. MA SE NON C’È ALCUNA MULTA PER I TRASGRESSORI CHI LO FARA’ MAI?

Paolo Baroni per La Stampa.it



Da domani in tutti i negozi, presso artigiani e professionisti scatta l’obbligo di accettare pagamenti tramite Pos. Di cosa si tratta?

BANKIA - SPORTELLO BANCOMAT

Per assicurare la piena tracciabilità dei pagamenti, e quindi disporre di uno strumento in più nella lotta all’evazione, in base al Decreto crescita bis, il numero 179 del 2012, a partire da domani tutte le imprese e i professionisti dovranno dare la possibilità ai loro clienti di effettuare pagamenti tramite bancomat, carte di credito o prepagate attraverso postazioni Pos (acronimo dell’espressione inglese Point of sale). Si tratta del sistema già ampiamente diffuso soprattutto nel settore del commercio, che consente il trasferimento di denaro direttamente dal conto del cliente a quello dell’esercente o del fornitore senza che si verifichi passaggio di contante.

bancomat



C’è una soglia di spesa alla quale si applica la norma?

L’obbligo scatta quando la spesa per beni e servizi supera la soglia dei 30 euro.



Quali categorie professionali e quali attività interessa?

Interessa tutti: commercianti, artigiani, imprese e studi professionali. Dal ristorante all’idraulico, dal falegname al dentista, dal parrucchiere a tutte le attività professionali siano essi notai, avvocati, architetti o commercialisti.



L’obbligo riguarda tutte le attività senza distinzioni di dimensione?

windows xp nel bancomat

In un primo tempo la norma, che doveva entrare un vigore a inizio anno, interessava solo i soggetti che fatturavano più di 200mila euro l’anno. Poi la proroga al 30 giugno ha fatto cadere questa prescrizione e da domani tutti devono (o dovrebbero) dotarsi di Pos.



Cosa succede se il professionista o l’artigiano di turno non ha installato il Pos?

Nulla, perchè il decreto non prevede alcuna sanzione. Non è però escluso che più avanti, una volta che i costi di installazione saranno resi magari più abbordabili, vengano introdotte multe per gli inadempienti.



Ma se non mi fanno pagare col Bancomat al quel punto io posso rifiutarmi di saldare in un altro modo il conto?

BANCOMAT ORGANO

Ovviamente no. Lo spiega bene una circolare dell’Ordine nazionale forense inviata a tutti gli avvocati: «Qualora il cliente dovesse effettivamente richiedere di effettuare il pagamento tramite carta di debito e l’avvocato ne fosse sprovvisto si determinerebbe semplicemente la fattispecie della mora del creditore che, come è noto, non libera il debitore dall’obbligazione». Quindi, prima o dopo il cliente paga, con o senza Pos. A tutela dei professionisti si suggerisce però di indicare in un eventuale contratto di prestazione d’opera le modalità di pagamento alternative al bancomat per le prestazioni rese.



A mia volta rischio qualche sanzione?

Assolutamente no. L’assenza di sanzioni vale anche per i clienti, che però come detto non sono sollevati dall’obbligo di far fronte al loro debito. La messa in mora del creditore però esclude che gli possano essere chiesti interessi per il ritardato pagamento.

BANCAMAT



Ma come fa ad esempio l’idraulico che viene direttamente a casa mia a permettermi di pagare col Pos?

I vari operatori telefonici e molti gruppi bancari, da Telecom alle Poste a Setefi di Intesa Sanpaolo, stanno offrendo sul mercato una serie di soluzioni tecniche molto innovative che consentono ad esempio di sfruttare il proprio smartphone o tablet collegato ad uno speciale lettore di carte.



E’ vero, come lamentano ad esempio i commercianti, che le nuove attrezzature sono particolarmente costose?

Secondo Confesercenti un imprenditore che realizza transazioni per circa 50mila euro l’anno tra costi di installazione, canoni e commissioni pagherà all’incirca 1700 euro l'anno. Per cui nel complesso il mondo delle imprese per questi servizi dovrebbe versare 5 miliardi. Per la Cgia di Mestre con 100mila euro di movimentazione il costo annuo dovrebbe oscillare da 2.478 a 2.608 euro a seconda delle tecnologie utilizzate (semplice Pos, Pos cordless o Gsm) che al netto delle detrazioni fiscali scende poi a 1.183-1.240 euro. Secondo uno studio dei Consulenti del lavoro il canone oscilla dai 10 euro del Pos standard ai 28 del Gsm. Per ogni operazione si pagano poi 20 centesimi per la chiamata ad un numero automatico ed una commissione bancaria che in media si aggira sul 2% dell’importo transato.  

Le agenzie di rating e il conflitto di interessi

LE AGENZIE DI RATING VINCOLATE A GRUPPI FINANZIARI ANDREBBERO SCIOLTE PER PALESE CONFLITTO D' INTERESSE,E PERCHE', SENZA ESSERE REPONSABILI DEI PROPRI ERRORI, TURBANO L' ESISTENZA DI INTERI POPOLI CON IL GIOCO DI SPONDA CONCORDATO CON LE BANCHE
Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch controllano il 95% del mercato e la proposta che si sta facendo largo in sede europea è associare al loro operato «un nuovo partecipante grande e indipendente», una «fondazione senza scopo di lucro» di banche e investitori europei. Soprattutto per limitare potenziali conflitti interessi. Attualmente le agenzie di rating sono principalmente legati al mondo anglosassone. S&P è una controllata del gruppo editorial Mc Graw-Hill, che ha come azionisti BlackRock (5,3%) e Capital Group (12,3%). In Moody´s Capital è l'azionista di maggioranza relativa (16,4%), seguito da Berkshire Hathaway (il braccio d'investimento di Warren Buffett) –con il 13%,– e anche BlackRock (6,3%). Il resto si divide fra fondi di tutti i tipi. Fitch invece è la controllata della francese Fimalac, compagnia di servizi d'investimento presieduto da Marc Ladreit di Lachaniere, nella lista Forbes tra i più ricchi del mondo. Possiede il 60%, mentre il restante 40% delle quote appartiene ad Hearst.
Francesco Miglino 29 giugno 2014

Archivi: Ferrovie dello Stato – Svendita continua

Ferrovie dello Stato – Svendita continua
Data 21/12/2007 9:30:00 | Categoria: politica italiana
di Nicoletta Forcheri

Il blocco dei fondi alle Ferrovie dello Stato, annunciato due settimane fa dal Ministro delle infrastrutture Di Pietro, sarà apparsa idea balzana a qualcheduno: essendo in uno stato pietoso, non equivale a dar loro la mazzata finale? Se l'intento era rimetterle in sesto, penso che si possa dire sin d'ora che non sarà conseguito. Ma la realtà è molto più complessa.

FS capo holding

Le FS, negli ultimi anni hanno subìto varie e successive trasformazioni passando da azienda autonoma a ente pubblico, fino a diventare una holding con una costellazione di società di cui almeno 7 direttamente e 17 indirettamente controllate al 100%, e numerose collegate e partecipate. Alcune hanno già cominciato ad essere parzialmente cedute a privati come Grandi Stazioni SPA (60%), Centostazioni SpA (60%) e la Sogin Srl (55%, società che controlla la Sita, società delle corriere regionali toscane). Il patrimonio immobiliare ferroviario è gestito e ceduto, attraverso la Ferrovie Real Estate SpA, l’ultima società nata del Gruppo (2003) per la “vendita del patrimonio immobiliare non più strumentato all’esercizio ferroviario, assegnatole tramite atto di scissione parziale dalla società RFI (…)”.

Il Gruppo fa uso di strumenti derivati nell’ambito “di strategie di copertura finalizzate alla gestione del rischio di tasso d’interesse”, soprattutto in nome e per conto della società Trenitalia SpA, proprio quella che guarda caso, assieme a RFI, ha conservato maggiormente il principale interesse pubblico ferroviario propriamente detto: un totale di 15 contratti derivati, nel 2006, sui tassi d’interesse per un valore nominale complessivo di 979,3 milioni di euro oltre a 165,3 milioni di euro per altri tre contratti all’inizio del 2007. Ma anche per conto della TAV SpA…

Nel disposto della legge finanziaria 2007 sono stati trasferiti allo Stato i debiti verso la Cassa di Depositi e Risparmio ...
... per un accollo totale di ben quasi 13 miliardi di euro!

La maggioranza delle società del gruppo Ferrovie dello Stato sono o in perdita (FS: -345 M, Trenitalia -327,7M) o quasi in perdita. Spiccano però nettamente i risultati d’esercizio, a fine 2006, della Ferrovie Real Estate SpA, che vanta ben 185,5 milioni di utili; si salvano anche la finanziaria del Gruppo Fercredit SpA (5,1 M), e le immobiliari Grandi Stazioni SpA (13 M) e Centostazioni SpA (2,5M), già parzialmente privatizzate. Si salvano cioè i reparti finanziari e immobiliari mentre colano a picco, gravate anche dai derivati, Trenitalia, RFI e FS…

Stazioni privatizzande

Si sta profilando la privatizzazione di tutte le nostre stazioni: patrimonio architettonico e storico di pregio inestimabile e della nazione. Dalla missione identica, Centostazioni Spa e Grandi stazioni SpA si prefiggono di ristrutturare e gestire, o fare il “restyling”, di 103 stazioni minori la prima e delle maggiori stazioni del paese la seconda. Tra le loro attività rientrano di fatto anche l’introduzione di catene commerciali, edicole e pubblicità, e perché no? l’acquisizione delle stazioni, magari per “concessione” o per scissione da RFI, a condizioni vantaggiose.

Grandi stazioni SpA controlla a sua volta quattro società di cui GS Pubblicità Srl e GS Edicole Srl, pubblicità ed edicole che piazza poi – in conflitto d’interesse? - nelle stesse stazioni che ha in affidamento. Partecipata al 60% da FS e al 40% da Eurostazioni SpA (il trio d’imprenditori coraggiosi: Tronchetti/Benetton/Caltagirone) è citata in numerosi procedimenti giudiziari introdotti dagli ex concessionari e dagli ex edicolanti delle stazioni, che fanno valere contratti di locazione ancora validi. E’ la privatizzazione all’italiana. Si dirà poi che è la “liberalizzazione” voluta dall’Europa..

Grandi stazioni SpA è creditrice, in canoni di locazione, nei confronti di Trenitalia, e solo nei confronti di RFI di ben 36 milioni per “indennità per mancata liberazione di spazi situati nei complessi di stazione e nelle unità acquisite dalla Società nell’anno 2001”. Ossia RFI doveva smammare e non è smammata in tempo. Si ricordi che RFI è la consociata rete ferroviaria, e si può presupporre che l’operazione sia volutamente effettuata per generare utili dal nulla, pompando denaro dallo Stato (RFI) dritto nelle tasche del trio imprenditori coraggiosi di Grandi Stazioni SpA (mista).

Mentre Centostazioni SpA è una società per il 60% di FS e per il 40% di Archimede (cordata privata con SAVE-Società aeroporti di Venezia e Treviso come capofila) e ha un patrimonio immobiliare di 500000 m2. SAVE è una società della Finanziaria Internazionale SpA, basata a Conegliano, società di cartolarizzazione la più attiva d’Italia e tra le più attive d’Europa. Ha costruito il suo patrimonio sulla trasformazione dei debiti in titoli su cui specula. Anche qua stanno preparando la sottrazione allo Stato di un patrimonio architettonico inestimabile ai soliti fondi/banche.

Del resto la privatizzazione delle FS per intero è già prevista da vari anni, e nel 2001 nel Libro Bianco sulle privatizzazioni predisposto dal Ministero del Tesoro si parlava dell’accelerazione “dell’impiego del “project finaning” e di forme di Public-Private partnership, estendendo il concetto di privatizzazione alla realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi di pubblica utilità”.

Stato spolpato

Nel frattempo, la missione principale delle FS, il trasporto merci e passeggeri su binario è trascurata, è un eufemismo. Ma Di Pietro dovrebbe insistere di più sulle anomalie di struttura: tre società immobiliari che percepiscono canoni di locazione dalle altre consociate del Gruppo per i luoghi che devono occupare naturalmente per le funzioni ferroviarie, sono certamente una stortura. Di Pietro oramai si è capito che sbraita nel senso del pubblico ma poi fa il “loro” gioco.

Il Gruppo, avendo ripartito le funzioni ed effettuato scissioni tra società, non ha ridistribuito e non ridistribuisce equamente gli utili, anzi si direbbe che la creazione di alcune società abbia la specifica funzione di “aspirare” un grosso flusso di utili e di liquidità dallo Stato alle società semi privatizzate o che comunque lo saranno a breve, e che operano tutte in attività secondarie. Il prossimo passo sarà la privatizzazione delle chicche, quelle che “aspirano”, mentre Trenitalia, RFI e Ferrovie dello Stato, le società che mantengono la missione originaria, precipiteranno in un buco nero il cui onere sarà fatto portare allo Stato, cioè a noi tutti. Per poi, sotto ricatto, “regalarle”. E’ la nascita di un grande gruppo all’italiana.

Non si capisce come mai il governo, e in particolare il ministero delle Infrastrutture/Trasporti, o quello del Tesoro, non intervengano più pesantemente per controllare le spese delle FS: non è il governo l’unico azionista, o meglio il maggiore "amministratore delegato" per conto dello Stato? Allora perché non interviene nei conti, nelle spese dissennate, negli impegni non rispettati e nei cambiamenti societari?

Invece propone o accetta gli aumenti di stipendio del consiglio di amministrazione delle FS. Chi li ha autorizzati? E perché?

Il governo persegue, nei fatti, il sabotaggio con conseguente privatizzazione/regalo, paradigma che oramai conosciamo. Se così non fosse, interverrebbe, ad esempio trasformando subito le società “core business” da SpA a una forma o l'altra di ente pubblico e interverrebbe per riassestarle. O le dividerebbe in modo inequivocabile, rete pubblica dello Stato da una parte e trasporti dall’altra, in regime di mercato. Di certo non aumenterebbe gli emolumenti agli amministratori, quando è alla luce del sole il degrado in cui versano i treni del belpaese. Per esempio, li licenzierebbe.

Invece, oltre agli aumenti di stipendio, Mauro Moretti, amministratore delegato del Gruppo Ferrovie dello Stato è stato persino premiato, l’8 novembre scorso, dal comitato d’onore dell’associazione “Alba del Terzo millennio” - titolo ermetico premonitore di codici da “Nuovo Ordine Mondiale” - per i “traguardi tecnologici” raggiunti dalle FS.

E per la liquidazione del precedente presidente amministratore delegato (liquidazione di 6 milioni 700 mila euro), fu addotta dal sottosegretario al ministero dell’Economia Massimo Tononi una “clausola di riservatezza contenuta nel contratto di lavoro” (…) "La quota variabile è collegata al raggiungimento di obiettivi economico-finanziari o di qualità del servizio, ricavati dagli strumenti di pianificazione strategica ed operativa dell´azienda". Di quali obiettivi parlava esattamente per essere coperti da una clausola di riservatezza? E di quale pianificazione?

In quanto all'intervento del governo a difesa de "l'interesse generale", materia sempre più censurata da un concerto mediatico che applaude su ordine dei padroni, l'argomento addotto per l’inefficienza è sempre lo stesso: il denaro e il taglio della spesa pubblica ripetuto con ossessione martellante, dal fedele servitore, anche premiato ultimamente con una promozione al FMI, Padoa Schioppa.

Lo Stato, si sa, è indebitato, la novità è che lo sarà sempre di più, strozzato com’è dal debito pubblico, in una economia usurocratica che è riuscita ad assoggettare le nazioni, rendendo gli enti pubblici, alla stregua dei normali cittadini, insolvibili.[1] Mentre le società di consulenza e/o i revisori contabili, veri e propri reparti crociati della “globalizzazione”, come PricewaterhouseCoopers in questo caso, o la Goldman Sachs per la Telecom Italia (ma anche la Warburg, la JP Morgan, la Barclays, la Rothschild, la JP Morgan, la Lehman Brothers, la ABN AMRO Rothschild ecc) sono sempre lì a “consigliare” le nostre aziende (ex) pubbliche, forse sarebbe meglio dire a “dettare” al governo il da farsi.

Come mai consigliano sempre male?

Le FS/Stato in mano al governo svizzero?

Uno dei finanzieri delle FS è un ente di diritto svizzero chiamato Eurofima, fondato nel 1955 per una durata di 50 anni, prorogato fino al 2059. Su Eurofima le notizie sono molto discrete: esso si presenta ambiguamente come un ente sovranazionale pubblico, ma in realtà è (anche) una società per azioni partecipata da 25 Stati/ferrovie degli Stati europei (tranne le ferrovie britanniche).

Eurofima, nata in virtù sia di una Convenzione tra Stati sia di uno statuto da società per azioni (peraltro quotata in borsa), ha la missione dichiarata di reperire i fondi, in borsa, per finanziare, mediante mutui/leasing l’acquisto di materiale ferroviario europeo ai suoi azionisti che sono anche i suoi clienti...

Saltano tuttavia agli occhi alcune anomalie: Eurofima, dal sito eurofima.org tipico delle no profit, si presenta tuttavia con il simbolo del brevetto ® tipico delle Corporation che traggono utili dalle royalties; Eurofima gode di un regime fiscale particolarmente favorevole per non dire completamente esonerato dalle imposte, peculiare per una società per azioni/holding che compie operazioni finanziarie e che è quotata in Borsa… Inoltre Eurofima, dichiaratamente sia negli scopi che nella composizione “presenta un interesse pubblico e natura internazionale”. Ma all’articolo 1 della Convenzione, sottoscritta dai governi dei vari Stati le cui ferrovie (o amministrazioni delle ferrovie) sono azioniste, si antepone l’interesse della stessa alle leggi statali. [2]

In pratica si tratta di un ente sovranazionale di diritto svizzero, sottoscritto dai governi europei che è nel contempo una SpA i cui azionisti sono le rispettive ferrovie degli Stati firmatari, e a cui eroga finanziamenti per l’acquisto di materiale ferroviario, ottenendo i fondi con operazioni finanziarie, il tutto esentasse.

C’è di più: se per tutte le questioni di ordinaria amministrazione, gli azionisti, ossia le ferrovie dei vari Stati aderenti, godono dei normali diritti di una qualsiasi SpA, per le decisioni più importanti - cambiamenti di statuto, aumenti o diminuzioni del capitale sociale, diritti di voto degli azionisti, composizione del consiglio di amministrazione e ripartizione degli utili - decide il governo svizzero.

E non è tutto: assumendo le funzioni di una banca nei confronti delle ferrovie degli Stati, finanzia il materiale ferroviario ai suoi azionisti/clienti tramite prestiti e titoli, e accorda in leasing lo stesso materiale che vende/finanzia. Materiale che rimane di sua proprietà fino al totale pagamento del debito. Ad esempio, per il 2006, i debiti obbligazionari delle FS nei confronti di Eurofima ammontavano a “600 milioni di euro (…) per il finanziamento degli investimenti in materiale rotabile di Trenitalia SpA”.

Naturalmente, come una banca essa chiede garanzie, garanzie che serviranno a risarcirla in caso d’inadempienza del debitore, oltre al diritto di possesso del materiale ceduto in leasing. In caso di cessazione del contratto, non solo il materiale ritorna di diritto a Eurofima, ma anche le garanzie rimarranno ad essa per tutta la durata dell’obbligazione contrattuale…(2055)

Insomma, nella struttura stessa, Eurofima racchiude più di una contraddizione, organizzazione internazionale e SpA; ma dovremo abituarci visto che è ciò che ci propineranno sempre di più nel “governo globale” che ci preparano; basti pensare alla Banca Centrale europea SpA ©

Del resto tutto chiaro e limpido non dev’essere se si può leggere in un documento della società di rating StandardandPoor’s, del 20 settembre scorso [3] che “le autorità UE non hanno mai indagato sul finanziamento degli aderenti di Eurofima e sulla struttura delle garanzie. Nell’improbabile eventualità che avvengano queste indagini, il debito emesso precedentemente da Eurofima non potrebbe essere colpito, perché qualsiasi normativa UE in merito non potrà essere applicata retroattivamente. La qualità del credito delle obbligazioni emesse precedentemente non potranno quindi essere danneggiate da qualsiasi normativa europea in merito.” Come dire chi ha preso ha preso, chi ha dato ha dato, scordiamoci il passato…

Come si legge nel rapporto di Moody’s, l’attività di Eurofima è l’erogazione di finanziamenti per l’acquisto/leasing di materiale rotabile ma con la garanzia dello Stato; in caso di privatizzazioni delle ferrovie, la società di valutazione rassicura in quanto le ferrovie continueranno a beneficiare della doppia garanzia: Stato e ferrovie, pena l’esclusione dalla SpA. Ossia si privatizzano gli utili e si nazionalizzano le perdite e, en passant, si cartolarizza il debito. Eurofima ha perciò interesse che FS sia indebitata..

Degrado strumentale

Dietro le quinte chi si può avvantaggiare del degrado e dell’indebitamento di FS sono anche le banche di affari angloamericane Goldman Sachs, Schroder e altre, che da quindici anni hanno pianificato e preparato le privatizzazioni massicce delle grandi aziende di Stato italiane. Nel frattempo si manipola l’opinione pubblica, presentando il paese e gli italiani come persone incapaci di gestire le proprie aziende – vero nei limiti in cui le persone messe ai vertici di queste società sono premiate per farle fallire e svenderle non certo per farle funzionare - per propinarci la solita “soluzione salvifica” (cfr. Alitalia) acquisendoci per un niente. Lo sbarco degli americani non la smette di accadere, in questo dopo guerra che si è incantato.

Per gli utenti/cittadini, meglio sarebbe dire "sudditi/clienti", uno degli aspetti del programma di privatizzazioni sono anni e anni di disagi e degrado via via sempre maggiori, strumentali alla “soluzione” cessione: aumenti tariffari, linee dismesse, piccole stazioni chiuse perché non "redditizie" o portate avanti solo a costo di milioni di sovvenzioni pubbliche regalate a monopoli privati, rami/binari seccati e tagliati, o "ceduti" con tanto di dipendenti precarizzati e licenziati (cfr. sciopero dei trasporti del 30 novembre), treni lerci con escrementi e opere inutili e dannose pagate dalla collettività.

Come in Liguria, Ponente, dove stanno trasportando la tratta con vista mare verso l'entroterra, eliminando un bel po’ di stazioni intermedie. Facendo persino rimpiangere Mussolini che, ideatore della rete attuale, fu campione d'equità sociale nel realizzare quella sua idea di portare il treno in ogni comune d'Italia, a costo abbordabile per tutti. E bisogna dire che ci era riuscito.

Quando le ferrovie saranno fallite/regalate, Di Pietro e tutti gli altri potranno fare il loro show mediatico, o prendersela con Moretti, ma non sono loro che stanno accettando e governando questa situazione? Licenziassero Moretti e gli altri se non sono contenti. E comunque se volessero cambiare qualcosa imporrebbero un mutamento innanzitutto all’assetto societario, un accorpamento da una parte, e una divisione chiara e netta tra ciò che è di rilievo e competenza pubblica e ciò che, secondo l’Europa, deve essere in regime di mercato. Eppure nessuno ne parla. Nessuno parla del danno che provocano le miste, o dell’inadeguatezza della struttura a SpA e ad holding per le ferrovie dello Stato. Perché il gruppo FS è già una mista, sia con le società che abbiamo visto sopra, sia con il meccanismo di finanziamento Eurofima, sia con gli strumenti derivati sia con la struttura a SpA. Sia essendo azionista di una SpA quotata in Borsa…

Ma non dovrebbe più essere un mistero per nessuno, tranne che per qualche economista dogmatico o per chi cede al ricatto del debito, purtroppo troppi, che la commistione pubblico/privato soprattutto per la gestione di settori d’interesse generale (trasporti, acqua, energia, salute, ecc: da definire sovranamente!!!) provoca solamente catastrofi e che sempre meno è auspicata dal pubblico in quanto causa di spese eccessive dello Stato, aumenti tariffari, e diminuzione del servizio nella forma di soppressione di tratte capillari non redditizie (capillarità non redditizia)

E l’ora di smetterla d’invocare l’Europa come scusa per continuare su questo terreno. E’ l’ora di non subire più tutto quello che viene dall’Europa, come se al momento delle decisioni i nostri politici non fossero stati presenti; sarebbe l’ora, infine, per alcune materie, di fare come gli inglesi con la moneta: opting-out, chiamarsi fuori (che siedono però tra gli azionisti della BCE). O come i francesi con Edf e GdF , temporeggiare…[4] Si chiama Europa à la carte…

Ma lo spettacolo desolante e insopportabile è che le redini sfuggono di mano ai politici, con programmi imposti dall’alto, o da oltralpi, di cui nessuno degli esecutanti è tenuto a rendere conto ai cittadini e il cui scopo è, fin troppo evidente, la soppressione del residuo potere dello Stato e il trasferimento di tutte le sue ricchezze nelle mani di qualche banca d’affari e di qualche holding, magari straniera, magari con “incroci incestuosi”.

Nazionalizzazione liberale

Eppure nella storia delle ferrovie, nate come società private, vi era stata una nazionalizzazione salvifica ad opera dei liberali, nel 1905, anno in cui Giolitti, che si dimise in seguito, per far fronte al disservizio delle società private di gestione che alla fine dell’800 “non garantiscono condizioni di viaggio sostenibili”, emana l’atto di nazionalizzazione della rete ferroviaria.

Se non rovesciamo la tendenza con un pesante risveglio grazie a un bombardamento informativo massiccio e un sostegno alla magistratura, tutti gli altri settori che ci rimangono saranno i prossimi bersagli, dopo le Poste, le Ferrovie e la Compagnie di bandiera, la Scuola, la Sanità e la Polizia. Perché, dobbiamo obbedire all’OCSE [5] che scrive : “Se si diminuiscono le spese di funzionamento, bisogna essere attenti a non diminuire la quantità di servizi, al costo di ridurne la qualità. Si possono ridurre ad esempio i crediti di funzionamento per le scuole e le università, ma sarebbe rischioso ridurre il numero di alunni o studenti. Le famiglie potrebbero reagire male al fatto di veder rifiutare l’iscrizione dei propri figli, ma non ad un calo graduale della qualità dell’insegnamento. Ciò si opera pian piano al fine di evitare l’insoddisfazione generale della popolazione”. Perfettamente in linea con Mr. Gelli.

Vi chiedete ancora chi sia Alba Terzo Millennio o perché Moretti sia stato premiato?

Nicoletta Forcheri


www.signoraggio.com

2 “la società sarà disciplinata dallo Statuto allegato alla presente Convenzione e dalle leggi dello Stato della sede, nella misura in cui esse non deroghino alle clausole della presente Convenzione” (traduzione della sottoscritta che non corrisponde alla traduzione ufficiale in italiano).

http://www.eurofima.org/files/s&P%20Eurofima%20report%20Sept%202007.pdf

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=1846

5 Quaderno di politica economica n°13 dell'OCDE

Pubblicato per la prima volta il 21/12/2007 su Luogocomune

I prestiti dei Rothschilds, almeno dal 1830 all'Italia...


Fonds Rothschild
http://www.archivesnationales.culture.gouv.fr/camt/fr/egf/donnees_efg/132_AQ/132_AQ_FICHE.html
Dall'archivio nazionale francese, si può vedere chiaramente che i Rotschilds prestarono all'Italia capitali nel 1830, nel 1907 e, udite udite, nel 1974. Senza contare i prestiti per costruire le ferrovie che poi sono ancora controllate da loro dall'organizzazione sedicente internazionale in Svizzera, Eurofima, che è la holding che presta i soldi e il materiale rotabile contemporaneamente alle FS, mentre è quotata in Borsa e si fa credere pubblica.
N. Forcheri 29 giugno 2014

Archivi: Ferrovie dello Stato: svendita continua


di Nicoletta Forcheri - 21/12/2007

Fonte: Luogo Comune [scheda fonte] 




 
          

            FS, capogruppo holding. Dopo che Di Pietro ha bloccato i fondi alle FS, indovinate che ne sarà delle ferrovie? Da ente pubblico diventate holding SpA, suddivise in tante società di cui almeno 7 direttamente e 17 indirettamente controllate al 100%, e numerose collegate e partecipate, alcune sono già parzialmente privatizzate -  Grandi Stazioni SPA (60%), Centostazioni SpA (60%) e la Sogin Srl (55%, società della Sita, corriere regionali toscane) mentre il patrimonio immobiliare è gestito e ceduto, attraverso la Ferrovie Real Estate SpA, l’ultima società nata del Gruppo (2003) per la “vendita del patrimonio immobiliare non più strumentato all’esercizio ferroviario, assegnatole tramite atto di scissione parziale dalla società RFI (…)”.

E se la maggior parte delle società di FS sono o in perdita (FS: -345 M, Trenitalia -327,7M) o quasi in perdita, stranamente si distinguono per gli eccellenti risultati, a fine 2006, le immobiliari e finanziarie: Ferrovie Real Estate SpA (185,5 M), Fercredit SpA (5,1 M), Grandi Stazioni SpA (13 M) e Centostazioni SpA (2,5M), mentre colano a picco, RFI (la rete), FS e Trenitalia, oberata quest’ultima daglistrumenti derivati: 15 contratti derivati, nel 2006, per un valore  di 979,3 milioni di euro oltre a 165,3 milioni di euro per altri tre contratti all’inizio del 2007.  Nel disposto della legge finanziaria 2007 sono stati trasferiti allo Stato i debiti verso la Cassa di Depositi e Risparmio SpA per un accollo totale di ben quasi 13 miliardi di euro!

Stazioni privatizzande: con la “mission” di “restyling”,  Centostazioni Spa e Grandi stazioni SpA hanno messo le mani su 103 stazioni minori e sulle principali stazioni (Roma, Torino, Firenze ecc), patrimonio architettonico storico inestimabile, introducendo – in conflitto d’interessi? - catene commerciali, edicole e pubblicità delle loro partecipate nelle stazioni date in “gestione”. Centostazioni è  per il 40% di Archimede, cordata privata con capofila SAVE-Società aeroporti di Venezia e Treviso – della Finanziaria Internazionale SpA, sede a Conegliano, società di cartolarizzazione la più attiva d’Italia e tra le più attive d’Europa, che ha costruito il suo patrimonio sulla trasformazione dei debiti in titoli su cui specula. Cartolarizzazione e derivati, due “strumenti” che vanno a braccetto nel piano di danneggiamento dei nostri settori/enti privatizzandi.

Grandi Stazioni è partecipata al 40% da Eurostazioni SpA - il trio d’imprenditori coraggiosi: Tronchetti/Benetton/Caltagirone: citata in giudizio da ex concessionari ed edicolanti “espropriati”, che fanno valere contratti di locazione ancora validi. E’ la privatizzazione all’italiana. Ci diranno che è la “liberalizzazione” voluta dall’Europa. Essa sta indebitando, con i canoni di locazione, Trenitalia e anche RFI, la consociata rete ferroviaria,  con 36 M di “indennità” richieste per non essere smammata in tempo, operazione ideata per generare utili pompando denaro dallo Stato (RFI) dritto nelle tasche del trio imprenditori coraggiosi.

Del resto la privatizzazione delle FS era stata predisposta nel 2001 da Visco, allora ministro del Tesoro che nel Libro Bianco delle privatizzazioni parla di accelerare “l’impiego del “project financing” e di forme di Public-Private partnership, estendendo il concetto di privatizzazione alla realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi di pubblica utilità”.

Stato spolpato. Nel frattempo, la missione principale delle FS va a quel paese, ma Di Pietro invece di insistere su più Stato, insiste sulla separazione dallo Stato, e tace su queste storture come delle società semi private, in settori secondari, che “aspirano” un grosso flusso di fondi dal governo. Quando privatizzeranno del tutto le chicche che “aspirano”,  Trenitalia, RFI e Ferrovie dello Stato precipiteranno in un buco nero il cui onere sarà fatto portare allo Stato, cioè a noi tutti che non abbiamo pagato abbastanza in anni di aumenti e degrado. E poi, sotto ricatto, le “regaleranno”. E’ la nascita di un grande gruppo all’italiana. A quel punto l’opinione pubblica, manipolata, tirerà un sospiro di sollievo.

Mentre il governo, unico azionista, propone o accetta gli aumenti di stipendio del cda delle FS e persegue, nei fatti, il sabotaggio con conseguente regalo, paradigma che oramai conosciamo. Se così non fosse, non premierebbe Moretti, ad esempio lo licenzierebbe. E invece questi è premiato, l’8 novembre scorso, dal comitato d’onore dell’associazione “Alba del Terzo millennio” - titolo in codice del “Nuovo Ordine Mondiale”? - per i “traguardi tecnologici” raggiunti dalle FS. E per la liquidazione di Elio Catania, il precedente presidente ad (67000000 euro), il sottosegretario al ministero dell’Economia Tononi parlò di una “clausola di riservatezza contenuta nel contratto di lavoro” per non rivelare le cifre ma soprattutto i fini. 

L’espressione "interesse generale" è sempre più censurata a profitto dei soliti argomenti triti e ritriti: debito pubblico e i necessari tagli alle spese di cui Padoa Schioppa ci martella, premiato anch’egli con la promozione del suo datore di lavoro, l’FMI.

Lo Stato è indebitato, e lo sarà sempre di più, strozzato in una economia usurocratica che predisponendo l’impossibilità di rimborsare il debito, è riuscita ad assoggettare le nazioni prescelte, di cui modestamente il nostro belpaese, rendendone gli enti pubblici, alla stregua dei normali cittadini, insolvibili.[1] Mentre le società di consulenza e/o i revisori contabili, veri e propri reparti crociati della “globalizzazione”, PricewaterhouseCoopers qua, la Goldman Sachs per  la Telecom Italia (o Warburg,  JP Morgan, Barclays, Rothschild, Lehman Brothers, ABN AMRO ecc.) sono sempre lì a “consigliare”, certo non disinteressatamente – in conflitto di interessi?- le nostre aziende (ex) pubbliche, forse sarebbe meglio dire a “dettare” al governo il da farsi. Come mai consigliano sempre male?

Le FS/Stato in mano al governo svizzero? In realtà uno dei finanzieri storici delle FS è un ente di diritto svizzero, Eurofima, fondato nel 1955 per una durata di 50 anni, prorogata al 2059: ibrido sovranazionale pubblico/società per azioni partecipata da 25 Stati/ferrovie degli Stati europei (tranne le ferrovie britanniche), nasce in virtù sia di una Convenzione tra Stati sia di uno statuto dasocietà per azioni (peraltro quotata in borsa), con la missione dichiarata di reperire i fondi per finanziare, mediante mutui/leasing, l’acquisto di materiale ferroviario europeo ai suoi azionisti/clienti. Dal sito “.org” tipico delle no profit, e il simbolo del brevetto ® tipico delle Corporation, gode di un regime fiscale esentasse e antepone nell’articolo 1 della sua Convenzione “l’interesse della stessa alle leggi statali.[2]

Gli azionisti/ferrovie godono dei normali diritti ma per le decisioni più importanti - statuto, capitale sociale, diritti di voto,  cda e ripartizione degli utili - decide il governo svizzero. Il materiale in leasing rimarrà di proprietà di Eurofima fino al totale rimborso del debito, persino in caso di recesso dai contratti, come anche le garanzie date. A fine 2006, i debiti obbligazionari delle FS verso Eurofima erano di  “600 milioni di euro (…) per il  materiale rotabile di Trenitalia SpA”.  Agli incroci “geneticamente modificati” dovremo abituarci visto che è ciò che ci propinano nel “governo globale”: basti pensare alla Banca Centrale europea SpA ©.

Del resto tutto candido candido non dev’essere se si  legge in un documento della società di rating StandardandPoor’s, del 20 settembre scorso[3]che “le autorità UE non hanno mai indagato sul finanziamento degli aderenti di Eurofima e sulla struttura delle garanzie. Nell’improbabile eventualità che ciò avvenga, il debito emesso precedentemente da Eurofima non potrebbe essere colpito, perché qualsiasi normativa UE in merito non potrà essere applicata retroattivamente. La qualità del credito delle obbligazioni emesse precedentemente non potrà quindi risultare pregiudicata da qualsiasi normativa europea in merito.” Come dire chi ha preso ha preso, chi ha dato ha dato..

Nel rapporto di Moody’s, che ha declassato l’Italia da AAA a AA2 quest’anno – atto dovuto prima di ogni grossa svendita (cfr. Alitalia) per agevolaregli acquirenti - si rassicurano gli investitori: in caso di privatizzazioni delle ferrovie, azionisti e investitori continueranno a beneficiare della doppia garanzia, Stato e ferrovie, pena l’esclusione dalla SpA. Ossia si privatizzano gli utili e si nazionalizzano le perdite e, en passant, si cartolarizza il debito.
           
Degrado strumentale. Da quando è stata pianificata la privatizzazione massiccia delle grandi aziende di Stato (92), si manipola l’opinione pubblica, presentando il paese e gli italiani come un popolo incapace di gestire le proprie aziende – vero nei limiti in cui le persone messe ai vertici sono premiate per “assicurarne” la cessione, non certo per farle funzionare - per propinarci la “soluzione salvifica”  dove una multinazionale estera/fondi ci acquisiscono per un niente. Lo sbarco degli americani non la smette di accadere, in un dopo guerra “incantato”.  

Per gli utenti/cittadini, o "sudditi/clienti",  uno degli aspetti del programma comprende anni e anni di disagi, disservizi e degrado, strumentali alla supposta della “privatizzazione”: aumenti tariffari, linee dismesse, stazioni chiuse o portate avanti con sovvenzioni pubbliche, rami/binari seccati e tagliati, o "ceduti" con tanto di precarizzati,  e opere inutili pagate dalla collettività. Come in Liguria dove stanno trasportando la tratta con vista mare verso l'entroterra, eliminando tante stazioni intermedie. Mussolini, a confronto, fu campione d'equità sociale nel portare il treno in OGNI comune d'Italia, a costo abbordabile per TUTTI. E riuscendoci.

Al fallimento/regalo delle FS, Di Pietro e gli altri potranno fare il loro show mediatico, ma allora perché non licenziano subito il cda? E un silenzio assordante circonda il dibattito attorno alle miste, o l’opportunità di strutture a SpA e holding per le ferrovie dello Stato. Intanto tra Garlasco e Perugia, il gruppo FS è già una mista, con il meccanismo sopra, gli strumenti derivati, la struttura a SpA, la quotazione in borsa del suo debito, le stazioni privatizzande e la “cessione”, forse decisa nel 1955, anno in cui i vincitori riscrivevano la storia e ipotecavano il futuro dei vinti.

Eppure non dovrebbe  più essere un mistero per nessuno, tranne che per qualche bocconiano indottrinato o per chi cede al ricatto psicologico del debito, che la commistione pubblico/privato per la gestione di settori d’interesse generale (trasporti, acqua, energia, salute, ecc: da definire sovranamente!!!) provoca solamente catastrofi e che sempre meno è auspicata dal pubblico, soprattutto da quando si è visto che il privato, che predomina e impone la sua logica, accolla gli investimenti agli utenti e/o al pubblico.

Tanto più che l’Europa non ci impone certo di privatizzare né la rete né le stazioni: da anni tirata in ballo come scusa di questo pastrocchio, in realtà prevede delle salvaguardie per i cd “servizi di interesse generale”, e nella finta neutralità che la Commissione europea ostenta (art. 295 dei trattati) in materia di regime proprietario della gestione degli stessi  - ferme restando le direttive per la separazione reti e contenuto - neutralità di cui si servono i francesi. E poi alla peggio si può sempre fare come gli inglesi con la moneta: opting-out, chiamarsi fuori. O siamo meno uguali? Ne va, penso, della nostra “sicurezza nazionale”.

            Nazionalizzazione liberale. Paradossalmente, nella nostra storia, vi fu una nazionalizzazione, voluta dal Giolitti liberale, nel 1905, per far fronte al disservizio delle società private di gestione delle ferrovie che alla fine dell’800 “non garantiscono condizioni di viaggio sostenibili”. Vi chiedete ancora chi sia l’enigmatica Alba Terzo Millennio o perché Moretti sia stato premiato?
Nicoletta Forcheri







[2] “la società sarà disciplinata dallo Statuto allegato alla presente Convenzione e dalle leggi dello Stato della sede, nella misura in cui esse non deroghino alle clausole della presente Convenzione” (traduzione della sottoscritta che non corrisponde alla traduzione ufficiale in italiano). 

[3]http://www.eurofima.org/files/s&P%20Eurofima%20report%20Sept%202007.pdf

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.