Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

domenica 29 giugno 2014

Le agenzie di rating e il conflitto di interessi

LE AGENZIE DI RATING VINCOLATE A GRUPPI FINANZIARI ANDREBBERO SCIOLTE PER PALESE CONFLITTO D' INTERESSE,E PERCHE', SENZA ESSERE REPONSABILI DEI PROPRI ERRORI, TURBANO L' ESISTENZA DI INTERI POPOLI CON IL GIOCO DI SPONDA CONCORDATO CON LE BANCHE
Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch controllano il 95% del mercato e la proposta che si sta facendo largo in sede europea è associare al loro operato «un nuovo partecipante grande e indipendente», una «fondazione senza scopo di lucro» di banche e investitori europei. Soprattutto per limitare potenziali conflitti interessi. Attualmente le agenzie di rating sono principalmente legati al mondo anglosassone. S&P è una controllata del gruppo editorial Mc Graw-Hill, che ha come azionisti BlackRock (5,3%) e Capital Group (12,3%). In Moody´s Capital è l'azionista di maggioranza relativa (16,4%), seguito da Berkshire Hathaway (il braccio d'investimento di Warren Buffett) –con il 13%,– e anche BlackRock (6,3%). Il resto si divide fra fondi di tutti i tipi. Fitch invece è la controllata della francese Fimalac, compagnia di servizi d'investimento presieduto da Marc Ladreit di Lachaniere, nella lista Forbes tra i più ricchi del mondo. Possiede il 60%, mentre il restante 40% delle quote appartiene ad Hearst.
Francesco Miglino 29 giugno 2014
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.