Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

sabato 19 luglio 2014

Avviso bonario e cartella Equitalia: come ottenere uno sconto sulle sanzioni del 40%

Chi ha dimenticato di pagare l’avviso bonario può non pagare le sanzioni addebitate con la cartella di pagamento: è possibile infatti ottenere uno “sconto” sfruttando la mediazione tributaria.

La mediazione tributaria – la nuova procedura prevista dalla riforma dello scorso anno – si può prestare ad essere un ottimo espediente per evitare di pagare le sanzioni in caso di cartella esattoriale di Equitalia. Vediamo come.

Il contribuente che, per dimenticanza o assenza di liquidità, non ha pagato l’avviso bonario inviatogli dall’Agenza delle Entrate riceve da Equitalia una cartella esattoriale per il pagamento dell’imposta, maggiorata con le sanzioni. Le sanzioni, però, sono triplicate rispetto a quelle contenute nell’avviso bonario.

In questi casi, il cittadino che vuole versare le imposte senza la predetta triplicazione delle sanzioni può sfruttare la cosiddetta mediazione tributaria cosiddetta “a zero”. Con essa si può ottenere, infatti, la riduzione delle sanzioni fino a quasi lo stesso importo originariamente indicato sull’avviso bonario non pagato.

Cos’è la mediazione tributaria
Per tutte le contestazioni su atti emessi dall’Agenzia delle Entrate fino a € 20.000 (al netto di sanzioni e interessi), notificati dal primo aprile 2012, è obbligatorio presentare, in via preliminare, un’istanza di reclamo/mediazione all’Agenzia delle Entrate [1] (diversamente non si potrà agire davanti al giudice). Si tratta, insomma, di una sorta di tentativo di conciliazione preventivo.

Nella domanda di mediazione, il contribuente chiede l’annullamento totale o parziale della cartella esattoriale sulla base degli stessi motivi che intenderà sollevare davanti al giudice tributario.

L’agenzia, ricevuto il reclamo, può accogliere le richieste del contribuente e annullare (in tutto o in parte) l’atto. Oppure, nel caso di avviso bonario non pagato, l’Agenzia, per evitare la causa, propone al ricorrente una mediazione a zero“, offrendo la riduzione delle sanzioni del 40% e la possibilità di versare il dovuto in forma rateale [2].

Il gioco è fatto! In questo modo il contribuente consegue uno sconto sulle sanzioni contenute nelle cartelle di pagamento, anche quando ci sono pochi margini per ottenere una riduzione dell’imposta.

di SERGIO AVOLIO

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su FacebookGoogle + e Twitter

In pratica

La mediazione può diventare strumentale al solo fine di ridurre le sanzioni e consentire a chi non ha fatto in tempo, per qualsiasi motivo, a pagare l’avviso bonario. Ciò avviene nel caso dei controlli per somme dichiarate dal contribuente e non versate [3]. Se non è stato pagato neanche l’avviso bonario (che prevede sanzioni ridotte del 10%), il contribuente riceve una cartella con sanzioni maggiorate al 30%. Egli potrà quindi sfruttare la mediazione per ottenere una riduzione delle sanzioni pari al 40% del 30%.
Accettata la mediazione, le sanzioni saranno il 12% (quasi come quelle dell’avviso bonario che non aveva fatto in tempo a pagare).
Sarà possibile richiedere anche la rateizzazione delle somme.

[1] DL 98/2011″Manovra correttiva”.
[2] Circolare 33/E del 2 agosto 2012.
[3] Art. 36 bis del D.P.R. 600/1973.
- See more at: http://www.laleggepertutti.it/28982_avviso-bonario-e-cartella-equitalia-come-ottenere-uno-sconto-sulle-sanzioni-del-40#sthash.fizn0Lfw.dpuf
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.