Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

sabato 5 luglio 2014

Pedofilia e satanismo, patto d'onore?

Stronzi nel pubblico e stronzi nel privato? (cfr. espressione destatami dalla lettura dell'articolo del Corriere http://www.corriere.it/esteri/14_luglio_05/scandalo-pedofilia-westminster-mistero-dossier-scomparso-10033346-042a-11e4-80b4-bb0447b18f3b.shtml
Ha occupato le cariche più importanti nella Commissione europea, per una quindicina di anni, il sospetto numero uno di avere fatto sparire un importante dossier di pedofilia ad alto livello nei circoli ministeriali inglesi, ordinato da Cameron: Sir Leon Brittan, fatto cavaliere nel 1989, fu paracadutato dal Bilderberg a commissario europeo per la Concorrenza nel 1989, poi al Commercio e agli Esteri nel 1998 per diventare vice presidente della Commissione europea, con conseguente rassegnazione nello scandalo della Commissione Jacques Santer di accuse di frodi.
Insignito baronetto di Spennithorne, nel febbraio 2000, accumula la vicepresidenza di UBS AG Investment Bank (banca dealer), ed è amministratore non esecutivo di Unilever in felice compagnia di Prodi occupato a svendere l'IRI che presiedeva (nel 1993, dopo una consulenza con Goldman, Prodi svendeva il gruppo Cirio Bertolli De Rica (SME) ad una società che non  aveva i requisiti, la Fisvi, per passarne il controllo della Bertolli alla UNILEVER cfr. http://www.rischiocalcolato.it/2011/09/svendita-al-peggiore-offerente-%E2%80%9Dstoria-di-uno-stato-dismesso%E2%80%9D.html).
Sempre il sospetto numero uno di avere fatto sparire l'importante dossier di pedofilia che coinvolgeva personaggi altolocati della società inglese negli anni 80 e 90, è un assiduo del Bilderberg, ed è stato oggetto di una interrogazione parlamentare del PE alla Commissione Santer (cfr. http://bilderberg.org/bilder.htm) per la sua partecipazione al club privato in qualità di commissario europeo, interrogazione a cui Santer risponde con la solita supercazzola che si vuole super neutrale nella forma per non mostrare l'evidente parzialità nel merito.
Quindi l'ex commissario europeo sarebbe il sospetto numero 1 di avere fatto sparire questo importante dossier sulla pedofilia altolocata mentre il suo compagno di avventura, Barroso, presidente della Commissione europea uscente, già da tempo è stato indiziato in voci da corridoio e indagini anche serie, nel caso del rapimento della bimba Madeleine McCann, come spiegato dal giornalista di indagine poi misteriosamente deceduto Christopher Story (cfr. http://christopherstory.org/) il cui materiale sensibile comunque sta sparendo a vista d'occhio dal net. 

Ricordo che tempo fa era spuntata una lista di Anonymous, ora introvabile nel net, di presunti pedofili scampati al caso Dutroux, di cui alcuni personaggi chiave della politica, delle banche e del Bilderberg, ad esempio certo Lippens, ex amministratore delegato della Fortis, anima gemella di Caltagirone di MPS nel farla fallire, accollarne i debiti allo Stato belga e regalarla ai suoi veri padroni in BNP Paribas. 

Ricordo ancora, per essere stata a Bruxelles al momento dei fatti, che il dossier Dutroux fu insabbiato nel cerchio magico del potere, e che l'unico incarcerato, che riuscì persino a scappare per un breve giorno, porta un cognome che è tutto un programma per la massoneria satanista ("Delbuco"). 

Quindi c'è da chiedersi, la pedofilia che rispunta regolarmente in politica, come viene utilizzata? Come arma di ricatto per pedofili VERI catapultati al potere o come arma di ricatto per non pedofili ma persone che disturbano e quindi per denigrarne la fama (cfr. Pasolini?)? 

La pedofilia e il satanismo sono il cemento che tiene insieme la cospirazione dalla politica al resto del "sistema" nel mondo. 

N. Forcheri 5 luglio 2014

Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.