Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

giovedì 7 agosto 2014

Salviamo le acciaierie di Terni controllate da Thyssen Krupp

L'UE una costruzione nata sulla scia dell'industria dell'acciaio e del carbone FRANCOTEDESCA, in particolare NAZIALLEATI, NdR

Fonte: http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/2014/08/salviamo-le-acciaierie-di-terni-dai-tagli-thyssen.html

user-pic  Il piano industriale di Thyssen-Krupp per l'Acciaieria Speciale Terni (Ast) è irricevibile: prevede infatti 550 esuberi in cinque anni, cui vanno aggiunti circa 400 dipendenti dell'indotto. In pratica una perdita di circa mille posti di lavoro che rappresenterebbe una catastrofe per il territorio umbro. Ecco perché i deputati M5S hanno interrogato in aula sul tema il ministro del Lavoro Giuliano Poletti con un question time a prima firma della deputata umbra Tiziana Ciprini.

Persino il governo ha ammesso che il piano non è chiaro. E a ciò si aggiunge l'arroganza dei vertici dell'azienda tedesca che pochi giorni fa hanno sciolto unilateralmente il contratto integrativo dei dipendenti e hanno fatto sapere che i contratti interinali non verranno rinnovati. La tensione tra i lavoratori e sul territorio ternano rimane fortissima.

Il sito siderurgico umbro dà lavoro a circa 2.800 dipendenti (5mila con l'indotto) e produce oltre un milione di tonnellate di acciaio Inox all'anno, rappresentando circa il 15% del Pil regionale. Dunque si tratta di un patrimonio da preservare a tutti i costi e il governo deve muoversi subito per agevolare una soluzione positiva della vicenda.
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.