Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

martedì 13 gennaio 2015

LA DOMANDA DA NON FARE AD UN MINISTRO

Fonte: di Alberto Micalizzi

PERCHE’ LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI (CDP) NON SI TRASFORMA IN BANCA E RACCOGLIE MONETA PRESSO LA BCE AL TASSO DELLO 0,05%?

La domanda non è così scontata se pensiamo a due fatti:
1) Il Trattato di Lisbona, all’art. 123, lo consente esplicitamente
2) La KFW - equivalente tedesca della CDP – lo ha già fatto ed ha finanziato circa il 20% del debito pubblico tedesco.

Se anche soltanto la CDP sottoscrivesse il 20% del debito pubblico italiano ci farebbe RISPARMIARE circa €15 miliardi di interessi passivi all’anno, generoso regalo fatto al sistema bancario.

Oltre a ciò, la CDP potrebbe riversare nel sistema economico decine di miliardi di liquidità, intervenendo a sostegno delle IMPRESE, proprio quello che le banche commerciali hanno smesso di fare preferendo concentrarsi sul puro trading finanziario.

Per maggiore precisione ricordiamo che le due entità, la CDP e la KFW, sono enti pubblici di pari grado, infatti:
- la KFW è posseduta all’80% dal Governo Federale
- la CDP è posseduta all’80,1% dal Ministero dell’Economia

A proposito di CDP-KFW, oltre al danno c’è anche la BEFFA: infatti il 26 Novembre 2014 la KFW ha persino prestato €500 milioni alla CDP come se fosse una banca. Non c'è limite alla sfacciataggine.

Dunque, mettiamola così: il Ministro dell’Economia e Finanze è un nostro DIPENDENTE, pagato con i nostri soldi, quindi vogliamo sapere perché continua ad indebitare il Paese al tasso di interesse del 2-3% tramite i BTP anziché dello 0,05% ricorrendo alla BCE tramite la CDP!

E mentre il “nostro” riflette sulla domanda noi abbiamo deciso di parlarne con un paio di magistrati contabili, fornendo qualche ragguaglio tecnico sulla cosa .… vedremo cosa ne pensano loro!

Alberto Micalizzi
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.