Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

sabato 14 febbraio 2015

Bernard Maris, 2011: BNP-Paribas: il privilegio vergognoso di battere moneta

[Questo articolo del 2011 era stato trovato nel blog di Bernard Maris, ripreso da  http://leconomistamascherato.blogspot.it/2011/03/bnp-paribas-le-privilege-honteux-de.html?q=Bernard+Maris. Il blog di Bernard Maris è poi scomparso dietro il sito di France Inter - di cui l'ex direttore di Charlie Hebdo era diventato direttore nel 2008 - da quando divenne consigliere della Banca di Francia. Bernard Maris, come è noto, è invece stato ucciso nell'attentato a Charlie Hebdo lo scorso 7 gennaio 2015]

Traduzione a cura di Nicoletta Forcheri

Il CAC 40(1) rompe il patto sociale

Bernard Maris, 12 Marzo 2011 08:50
Utili per 82.6 miliardi, tra poco verrà raggiunto il livello del 2007 (96 miliardi)! La metà degli utili svanirà in rendite, in dividendi ai proprietari, o se preferite ai "mercati", i famosi mercati che fanno tremare la Grecia. I due terzi della metà andranno all'estero, visto che il CAC appartiene per 2/3 ad esteri. I dividendi sono aumentati del 13%, gli stipendi del 2%. I dipendenti pagano quindi per i redditieri, o rentiers.
A guardarci bene, Total sorvola sull'obbligo di spostarsi in macchina, BNP su quella di disporre di soldi, Sanofi sul desiderio di curarsi. Queste persone non forniscono un servizio, fanno racket. Tassano un consumo obbligatorio. E' particolarmente vero per BNP Paribas che possiede il privilegio vergognoso di battere moneta, di produrre gratuitamente il denaro che vi vende a caro prezzo, privilegio una volta riservato al Tesoro pubblico.
Dove finiscono quei soldi? Per oltre la metà nelle tasche dei rentiers. Distribuito in dividendi. Per informazione: i dividendi del CAC sono aumentati del 13% dal 2010, gli stipendi invece del 2%. I rentiers sono francesi? Macché, sono non residenti, per i 2/3. Non sono neanche soldi che ritornano in Francia. Comunque sia queste grosse aziende danno lavoro a molte persone? Si, al 10% della popolazione attiva francese, ma non creano posti di lavoro, li distruggono sistematicamente. L'organico del CAC50(3) all'Esagono è stato ridotto di 44000 dipendenti tra il 2005 e il 2009 mentre l'insieme del settore privato ha creato nel contempo  200000 posti di lavoro (1). Il CAC investe completamente nei paesi emergenti: la crescita dei paesi emergenti costituisce il CAC (2/3 del fatturato in Cina, Brasile e altrove) e reciprocamente. Possiamo sognare dicendo che il CAC conserva le sedi sociali e i centri di ricerca in Francia... Non è neanche più vero. Le grosse aziende (ad esempio Renault in Cina) tendono a trasferire sia il know how sia la ricerca. Inoltre il fatto di mantenere sedi sociali e centri di ricerca in Francia costa caro allo Stato: il credito d'imposta per la ricerca e la debolezza dell'imposta sulle società delle aziende del CAC è un regalo che le incita a rimanere sul posto. Ma il regalo fiscale (le aziende del CAC pagano il 12% di tasse in media contro il 26% per l'insieme delle aziende) fa sì che altri pagano le loro tasse... Chi? Le PMI, i dipendenti. Si penserà che le aziende del CAC distribuiscono commesse e mantengono in Francia un tessuto economico e sociale di PMI. Neanche per sogno. I subappaltanti si lamentano di essere maltrattati dai grossi che non pagano, o con ritardo, rubano i brevetti, rubano i migliori quadri, si servono di loro come ammortizzatori in caso di calo congiunturale. La cultura industriale francese fa sì che i grossi giochino contro i piccoli (non è così per l'industria tedesca). E' la cultura delle grandi Scuole dell'elite (vivai per il CAC) che non è affatto  estranea a questo disprezzo per le PMI. Il CAC ha in mano le lobby: lobby bancaria, Associazione francese delle imprese private. Anche se per difendersi le aziende del CAC dicono che vogliono conservare "troppi" dipendenti in Francia (sic): troppi rispetto alla quota del loro fatturato in Francia. Tranne che pompano allegramente da tutte le agevolazioni degli oneri sociali.
Quindi cosa facciamo? Tassiamo Total, tassiamo BNP, molto forte quella, non nazionalizziamo, costa troppo, ma introduciamo le « golden share », diritti di veto pubblici nei consigli di amministrazione e ridefiniamo la politica dei salari. Si, ma se tassiamo troppo se ne andranno... Se ne andranno comunque, se ne vanno già e si vendono al migliore offerente! E poi non se ne andranno, né la Total né la BNP. Sono esperti in ricatti e basta.


(1) leggasi l'articolo di Yann Philippin in Libé del 11/03/11

(2) http://it.wikipedia.org/wiki/CAC_40 "L'indice rappresenta una misura basata sulla capitalizzazione dei 40 valori più significativi tra le 100 maggiori capitalizzazioni di mercato della Borsa di Parigi." Quando si dice CAC40 quindi si parla delle aziende più capitalizzate secondo quei valori nella Borsa di Parigi
(3) Il IT CAC 50 "era un indice tecnologico - tecnologia, media, telecomunicazioni -  trasversale [francese] che comprendeva i valori tecnologici dei diversi mercati di azioni di Euronext. L'IT CAC 50 consentiva di misurare lo sviluppo della nuova economia e il peso dei valori tecnologici quotati sui mercati gestiti all'epoca dall'Euronext. Ha smesso di essere calcolato alla fine di giugno 2005 ed  è stato sostituito dall'indice IT CAC 20 "(da http://www.trader-finance.fr/lexique-finance/definition-lettre-I/IT-CAC-50.html
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.