Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

domenica 15 febbraio 2015

Varoufakis, l'ex blogger, parla chiaro

Grecia, la denuncia di Varoufakis: "L'austerità serve a salvare le banche tedesche e francesi"

Il cosiddetto "piano di salvataggio", ovvero il prestito concesso nel 2010 ad Atene da Ue, Bce e Fmi (la cosiddetta 'Troika') "non salvo' la Grecia ma salvò le banche tedesche e francesi". Il ministro delle Finanze ellenico, Yanis Varoufakis, non h apeli sulla lingua in merito al duro confronto tra Grecia ed Europa su deficit e austerità. Ed in effetti non va molto lontano dal bersaglio, se si pensa che il debito iniziale della Grecia corrispondeva a circa dieci miliardi poi lievitato, per effetto degli interessi, più di venti volte tanto.

La prova indiretta di quanto afferma Varoufakis, intervistato da 'The Guardian', arriva dagli stessi conti della Germania per quanto riguarda il bilancio delle perdite. Un bilancio quasi in pareggio perché se la Grecia dovesse lasciare l’euro a Merkel costerebbe 77 miliardi. Un miliardo in più per farla rimanere alle condizioni dettate dai greci. Tutto si regge su un delicato sistema di equilibri politici, quindi. "L'opinione pubblica e' stata spinta a credere che fosse denaro dato ai greci – continuaa Varoufakis -. l'opinione pubblica greca e' stata spinta a credere che fosse la sua salvezza", ha aggiunto. Varoufakis, inoltre, che ammette l'inesistenza di un 'Piano B' qualora fallissero le trattative con i creditori, non sembra così contrario alla teoria dell'Armageddon. “La mia risposta è – dice - 'facciamolo accadere'. Questo e' il mio piano 'B'". Interrogato sulle possibili conseguenze di un default e di un'uscita di Atene dall'euro, il ministro ellenico replica che "e' come domandarmi che succede se una cometa colpisce la Terra: non ne ho la minima idea". Cosciente delle casse vuote, il ministro delle finanze Yanis Varoufakis torna sul problema del debito: per i creditori "un taglio è preferibile a una estensione delle scadenze", perché‚ "tutti sanno che la Grecia non sarà mai in grado di sostenere il debito attuale senza un nuovo contratto".

Lunedì si aprirà un confronto sul piano tecnico, ma non è chiaro se la cornice politica sia ancora quella giusta per l’accordo. Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker siamo "molto lontani" da un compromesso, e per quello dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem la faccenda è "molto complicata", le opzioni "limitate" e quindi resta "pessimista". Intanto il segretario al Tesoro Usa, Jack Lew, ha telefonato ad Alexis Tsipras, per esprimere il sostegno degli Usa alla Grecia e auspicare un esito positivo dei negoziati in corso fra il governo di Atene e i partner dell'Eurozona. Di diverso tono i segnali che arrivano dai mercati. Lo spread tra i titoli ellenici decennali e il Bund tedesco crolla a 864 punti base da 940, mentre la Borsa di Atene archivia l'ultima seduta della settimana col botto, mettendo a segno un rialzo di oltre il 5%. Sugli scudi proprio le banche: National sale del 16%, Attica del 13,2% e Alpha Bank del 12,8%.

http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2015/2/14/43876-varoufakis-punge-lo-spiegel-la-troika-e-gente-per-bene-come/

Varoufakis punge lo Spiegel: la troika è gente per bene, come la Cia
28desk1-riapertura-varaufakis-grecia-finanze-reuters
I mem­bri della troika sono «gente decente», ma anche la Cia ha avuto «per­sone molto buone che si sono si sono impe­gnate nel water­boar­ding con­tro la loro volontà». L’accostamento è del mini­stro dell’Economia greco, Yanis Varou­fa­kis, inter­vi­stato dal dif­fu­sis­simo set­ti­ma­nale tede­sco «Der Spiegel».
Secondo Varou­fa­kis per i cre­di­tori della Gre­cia «un taglio del debito è pre­fe­ri­bile rispetto a un’estensione delle sca­denze. Tutti sanno che non saremo mai in grado di soste­nere il debito attuale senza un nuovo contratto».
Poi, Varou­fa­kis spiega al Guar­dian : se i nego­ziati con Bru­xel­les fal­li­scono «non c’è un piano B. Ci minac­ciano sem­pre che se non fir­miamo gli accordi ci sarà l’Armaggedon. Beh, lasciamo che ci sia». Il mini­stro greco riba­di­sce di essere un «mar­xi­sta» anche se «impre­ve­di­bile»: «Non posso e non voglio sepa­rare il destino della Gre­cia dall’Europa — aggiunge — ma abbiamo perso tutto. Adesso è tempo di dire la verità ai potenti».
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.