Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

giovedì 11 giugno 2015

Contanti, il muro dei mille euro sta per cadere. Alla Camera primo sì


Pubblicato il 11 giugno 2015 10:22 | Ultimo aggiornamento: 11 giugno 2015 11:10

di Redazione Blitz

Contanti, dietro-front sulla soglia a mille euro. Alla Camera primo sì



ROMA – Contanti, dietro-front sulla soglia a mille euro. Alla Camera primo sì. La soglia limite per effettuare pagamenti cash sarà rivista, il muro dei mille euro è in procinto di essere abbattuto. La Camera ha infatti dato il primo sì alle mozioni di maggioranza per innalzare la soglia limite di circolazione di denaro contante, oggi fissata a mille euro (999,99 euro).
In base ai testi approvati, il governo risulta impegnato, tra l’altro, “a valutare la possibilità di assumere ulteriori iniziative normative, rispetto alle norme contenute nella delega fiscale, in materia di tracciabilità dei pagamenti e di fatturazione elettronica e contestualmente a valutare l’opportunità di una revisione della disciplina vigente in tema di uso del contante, prevedendo un innalzamento della soglia limite dei 1.000 euro e ponendo l’Italia in linea con gli altri Stati europei”.
Proposte di innalzamento almeno a 3mila euro sono state fatte dalle opposizioni: dalla maggioranza non arrivano indicazioni sulla nuova soglia, si ragiona su un livello in linea con gli altri paesi europei. Giovanni Parente sul Sole 24 Ore segnala la particolare severità dell’Italia nel confronto con gli altri Stati.
La Francia e il Belgio hanno una soglia di spesa con la cartamoneta di 3mila euro, la Spagna di 2.500 euro e la Grecia di 1.500 euro. L’Italia e il Portogallo, invece, manifestano la soglia più restrittiva. In particolare, nel nostro Paese si può pagare in denaro fino a 999,99 euro, poi bisogna usare bonifici, assegni non trasferibili o carte di credito e bancomat. Le violazioni rischiano sanzioni dall’1% al 40% degli importi trasferiti oltre la soglia con una penalità minima di 3mila euro.
L’unica deroga è consentita nel commercio al dettaglio e alle agenzie di viaggio: in questi casi il limite è di 15mila euro ma vale solo per gli stranieri non residenti in Italia. E non per tutti. La deroga non vale quando chi acquista appartiene a uno dei Paesi dell’Unione europea e dallo Spazio economico europeo (Liechtenstein, Islanda e Norvegia). (Giovanni Parente, Il Sole 24 Ore).
Soglie più alte di circolazione del contante, dice il Governo, a patto che cresca la diffusione di sistemi di pagamento alternativi. Il governo è impegnato “ad assumere iniziative normative volte, da una parte, a incentivare gli strumenti di pagamento elettronici e a ridurne il costo e, dall’altra, contestualmente e condizionatamente, a valutare l’opportunità di rivedere la disciplina vigente in tema di uso del contante, ponendo l’Italia in linea con gli altri Stati europei che adottano restrizioni sulla circolazione della carta moneta e hanno raggiunto una significativa diffusione dei mezzi di pagamento diversi dal contante”.
La mozione rileva come lo stop al contante abbia avuto effetti altalenanti sulla lotta all’evasione in termini di risultati. Rileva, inoltre, come in Italia ci siano 15 milioni di persone che non usano altro che contante, soggetti “unbanked”, senza banca e di conseguenza non utilizzano alcuna forma di pagamento tracciabile.
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.