Cosenostreacasanostra


Bernard Maris: "L'economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini"
Denis Robert: "La raison pour laquelle je n'ai jamais fait un bon journaliste, c'est que je passe trop de temps à rêver à une vie meilleure". (La ragione per cui non sono mai stato un bravo giornalista è che passo troppo tempo a sognare una vita migliore)

martedì 16 giugno 2015

Immigrati: quello che non si dice. Quali guerre, scappano dall'austerity

http://www.affaritaliani.it/cronache/clandestini-quello-che-non-viene-detto-370998.html?refresh_ce

ANALISI/ Altro che guerre e bombardamenti. A parte la Siria, la maggior parte dei paesi dai quali provengono gli immigrati clandestini hanno in comune una cosa sola: la moneta agganciata all'euro e l'austerity...

immigrati

La crisi economica funziona anche e soprattutto (se pianificata) per destabilizzare le società di ogni singolo Paese. La sola perdita della sovranità economica, non risulta sufficiente per le elites sovranazionali, quindi è necessario anche la perdita dell’identità nazionale tramite l’importazione in casa propria di scenari da terzo mondo.

Il progetto dell’immigrazione forzata mira proprio alla destabilizzazione della società, in un contesto di gioco psicologico in cui trovandosi a contatto con il terzo mondo. Il caso dell’aggressione con il machete è emblematico, questo strumento lo abbiamo sempre associato alle lotte tribali-etniche in Africa, soprattutto nel tragico genocidio ruandese ed oggi, grazie alla globalizzazione del terzo mondo, questo strumento di morte, ce lo ritroviamo in casa, cosa inimmaginabile fino a pochi anni fa.

In questo scenario il cittadino italiano (nel nostro caso) si dovrà abituare a ciò e quindi accettare in modo passivo i danni recati dalla crisi economica, in sostanza adeguarsi anch’esso agli standard da Paese sottosviluppato perché richiesto dall’austerità imposta per imporre un sistema economico monetario che mira alla svalutazione umana in nome del principio liberista del mercantilismo…

Ovviamente questo scenario di desolazione sociale deve essere difeso, giustificato ed imposto sotto l’ipocrisia di un fantomatico antirazzismo ed antifascismo, per nascondere il realtà il piano mondialista della globalizzazione della povertà.
Ma l’ipocrisia che fomenta la giustificazione dell’immigrazione di massa ci viene proposta con la frase: “Sono rifugiati, scappano dalle guerre”, troppo facile.

 in Africa non ci sono guerre militari attualmente, tranne che in Libia, MA per la voglia di esportare “democrazia” 

CI SONO  in Siria e in Yemen, perchè questi non allineati all’occidente. 
 
Ma la percentuale di libici e siriani che chiedono asilo in Italia è irrisorio e di certo non li vediamo bivaccare nelle stazioni italiane. 
 
Mentre NON si hanno notizia di profughi yemeniti in Italia.

Analizzando i Paesi da dove arrivano i clandestini, si capisce che questi provengono principalmente dall’Africa nerae qualcosa dal Nord. 

E nei rispettivi paesi sotto elencati, NON sono presenti guerre civili o su scala internazionale.

In tutta la zona dell’Africa occidentale ex francese e portoghese, NON è presente alcuna guerra civile o internazionale, così come nella zona anglofona degli Stati di Nigeria e Ghana.

Nella parte orientale dell’Africa, in Etiopia ed Eritrea attualmente NON sono presenti neanche in questi Paesi, guerre in corso, tali da far scattare un emergenza profughi.

Nello specifico, la situazione nei tre principali Paesi dell’Africa orientale da dove provengono molti clandestini:

Eritrea : Link Viaggiare Sicuri http://www.viaggiaresicuri.it/index.php?eritrea 

Etiopiahttp://www.viaggiaresicuri.it/index.php?etiopia 

In questi due Paesi le ambasciate italiane sono regolarmente operative. 

Discorso diverso la Somalia, dove attualmente lo Stato ormai “fallito” è sotto le corti islamiche :http://www.viaggiaresicuri.it/?somalia
ma anche in questo caso occorre vedere quanti sono i somali che hanno fatto regolare richiesta d’asilo in Italia.

Come confermato dalla scheda del ministero dell’Interno, la maggior parte dei Paesi, ad esclusione della Siria, NON hanno in corso guerre civili o internazionali. 

Ma tutti hanno in comune una cosa sola :
Moneta agganciata all’euro ed austerità !!!! 


Mali
Benin
Camerun
Costa d’Avorio
Ciad
Niger
Burkina Faso
Repubblica Centrafricana
Repubblica Democratica del Congo
Repubblica del Congo
Gabon
Guinea Bissau
Guinea Equatoriale
Senegal
Togo

Questi Stati adottano il Franco CFA, una moneta comune agganciata all’euro con un cambio fisso di 1 € = 655,957 CFA.
E sappiamo tutti, almeno per gli intellettualmente onesti, i danni economici che provocano le monete di Paesi meno forti, agganciati a quelli molto più forti finanziariamente. 

Argentina, Italia, Spagna, Grecia dovrebbero insegnare,solo per citare alcuni Stati.

 

Infine la maggior parte dei Paesi africani hanno i debiti pubblici più bassi del mondo, perchè gli Stati hanno tagliato la spesa pubblica per perseguire quell’austerità voluta dal FMI, quelle stesse richieste poste all’Europa mediterranea (vedi Grecia). 

I grafici ci indicano che questo campione di Paesi africani da dove provengono i clandestini, hanno i debiti pubblici pienamente in linea con i parametri di Maastricht ! 
 
Sono quelli che avrebbero fatto i compiti a casa per la Merkel e i vari predicatori europeisti.

Pertanto è necessario smascherare l’ipocrisia che popola prevalentemente presso la sinistra, secondo la quale i clandestini fuggono da bombardamenti, la realtà invece che in questi Paesi regna quell’austerità tanto voluta dall’ideologia europeista.

I clandestini NON scappano dalle guerre, ma vengono portati in Italia correndo il rischio venga innescata una guerra (sociale)… 

Jean Sebastien S. Lucidi
Posta un commento

Disclaimer

AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.

I testi pubblicati dal sito mercatoliberotestimonianze.blogspot.com possono essere liberamente distribuiti alle seguenti condizioni:
1) i testi e i titoli devono rimanere nel loro formato originale;
2) la distribuzione non deve essere finalizzata al lucro;
3) deve essere citata la fonte e l'autore e l'indirizzo web da cui sono stati tratti.